Notizie Locali


SEZIONI
Catania 14°

Cronaca

Palermo, cosa vuol dire fare il preside nella scuola più grande d’Italia

Di Redazione |

PALERMO – «La maggiore fonte di stress? La sicurezza»: lo dice Vito Pecoraro, preside dell’istituto alberghiero di Palermo “Pietro Piazza”, la cui testimonianza è stata raccolta da un dossier di Tuttoscuola. In questo istituto, spiega il preside, ci sono 3.900 alunni, 320 docenti e 105 Ata. «Non riesco a sentirmi leader educativo al cento per cento, anche se lo faccio con passione: non conosco di persona – sottolinea Pecoraro – tutti i miei 320 docenti, anche a causa del turnover dei supplenti. Cerco di incontrarli quanto più possibile, vado in sala professori, entro nelle classi. Consideri che in collegio docenti ho oltre 300 persone davanti a me. E’ brutto dirlo, ma a volte sono “un numero”».

Sul tema della sicurezza il preside spiega meglio il suo punto di vista: «ogni giorno nell’alberghiero ho il pensiero costante dei ragazzi che usano le cucine. Per fortuna ho la Rspp (Responsabile servizio prevenzione e protezione) interna, perché vanno controllate in continuazione. Il pensiero dei ragazzi che sono fuori: escono non una ma 10-15 classi insieme. Poi c’è il pensiero delle prove di evacuazione: l’alberghiero è su 6 piani, direttamente sulla strada quindi anche i punti di raccolta devono essere ben percepiti da tutti dato che devono uscire quasi 3200 persone».

Un altro tema a lui caro sul fronte della sicurezza riguarda il coordinamento con l’ente locale. «Noi – avverte – siamo datori di lavoro e a volte avvisare l’ente locale del rischio non ci solleva dalle responsabilità. Alcuni edifici sono pubblici e altri privati – situazione molto comune al Sud – e quindi anche se ci sono finanziamenti del Miur per l’edilizia non possiamo utilizzarli per tutti i plessi».

Sulle possibili soluzioni da mettere in campo, Pecoraro segnala la necessità di «un riconoscimento delle figure di supporto, non soltanto del dirigente scolastico ma anche del Dsga (Dirigente dei servizi generali e amministrativi, ndr), che dovrebbe essere assistito da un coordinatore amministrativo. Almeno una figura di supporto ciascuno, anche per alleviare il peso dell’ordinaria amministrazione».

Nel frattempo il dossier di Tuttoscuola, che sarà consultabile nei prossimi giorni, rileva che dal 2000 a oggi i dirigenti scolastici, tra cui in primis i presidi, si sono ridotti del 35%, flessione che ha fatto sì che ognuno si occupi in media di circa 1.200 studenti, vale a dire il 55% rispetto allo scenario precedente all’autonomia scolastica.

«Star bene a scuola – evidenziano i ricercatori di Tuttoscuola – non è “una questione”, ma è “la questione” di un microcosmo con il quale hanno a che fare ogni giorno il 44% degli italiani, se includiamo i genitori» COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA