Notizie Locali


SEZIONI
Catania 27°

Il caso

Studenti e prof siciliani intossicati in Puglia, campioni di carne, pollo e suino al vaglio di analisi

I ragazzi dell'Istituto tecnico industriale di Milazzo hanno riportato malesseri dopo aver mangiato in un albergo a Fasano

Di Redazione |

Sono in corso verifiche da parte dell’Istituto zooprofilattico di Putignano, in provincia di Bari, su alcuni campioni di carne, tra pollo e suino, per i casi di sospetta intossicazione alimentare riscontrata all’interno di un gruppo di 158 persone, tra studenti e docenti in gita scolastica in Puglia. Lo comunica in una nota l’Asl Brindisi.

Classi e professori dell’istituto tecnico industriale di Milazzo (Messina) hanno soggiornato in un albergo a Fasano, in provincia di Brindisi. Il Sian (Servizio di igiene degli alimenti e della nutrizione) e il Siav B (Servizio veterinario di igiene degli alimenti di origine animale) – che fanno capo al Dipartimento di prevenzione dell’Asl di Brindisi- hanno inviato all’Istituto zooprofilattico di Putignano alcuni campioni degli alimenti consumati durante la permanenza in hotel dal gruppo e all’Arpa Puglia i tamponi ambientali effettuati su superfici di lavoro e un campione di acqua del rubinetto della cucina dell’albergo.In totale, nel gruppo di 158 persone, in 53 sono state trattati per «sintomi gastroenterici» in hotel, 11 nei punti di primo intervento territoriale e 5 nel pronto soccorso dell’ospedale di Ostuni. L’intero gruppo è partito ieri per rientrare in Sicilia.

Il direttore della struttura e il cuoco, responsabile operativo Haccp (il sistema aziendale di controllo degli alimenti), hanno riferito, informano dall’Asl, che tutto il personale di cucina è stato in servizio negli ultimi giorni e si trovava in buone condizioni di salute. «Nell’albergo erano presenti ulteriori 70 ospiti che non hanno lamentato disturbi. Tutti i risultati – conclude la nota – saranno oggetto di relazione conclusiva da parte del Coordinamento Mta (Malattie a trasmissione alimentare) del Dipartimento di prevenzione».COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati