Notizie Locali


SEZIONI
Catania 34°

L'emergenza

Quando il rifiuto delle regole diventa ottusità

Ma è davvero così complicato rispettare il calendario dell'indifferenziata?

Di Ernesto Romano |

Ma è così difficile rispettare un semplice calendario? Tutti abbiano scadenze fisse da ricordare: pagamenti, bollette, compleanni, ricorrenze varie, appuntamenti, visite mediche, esami, anniversari. Le segniamo in rosso in agenda, sia essa digitale o cartacea, per non rischiare di dimenticarle.E allora perché per quanto riguarda il rispetto delle giornate e degli orari prefissati per la raccolta differenziata subentra in alcuni (ancora tanti purtroppo) il rifiuto (è proprio il caso di dirlo) di questo particolare tipo di regole?Senza volere scomodare psicanalisti o psichiatri (nei casi più estremi), la spiegazione risiede in un misto di pigrizia mentale e ottusità, inciviltà e ignoranza, arroganza e certezza dell’impunità perché “tanto così fan tutti”.

E invece no. Così non fanno tutti. Perché in tanti quelle regolette da prima elementare le rispettano. Poi c’è l’altra “umanità”, quella che vorrebbe vivere nella giungla. Quella che aspetta il giovedì, giorno dedicato alla raccolta dell’indifferenziato, per liberarsi di tutti i rifiuti accumulati durante la settimana perché si “siddia” a fare la selezione giorno per giorno. Guarda che sforzo…Quella che continua ad alimentare discariche e microdiscariche sparse nei vari quartieri, piene di ogni masserizia possibile, “dimenticando” che esiste un servizio apposito per il ritiro degli ingombranti. Telefoni, fissi un appuntamento e vengono a casa tua a ritirarli. Che si vuole di più?Quella che la mattina si porta in auto il sacchetto per poi lasciarlo andare con nonchalance nel luogo “deputato”, magari in mezzo alla strada, creando anche potenziali pericoli per chi transita.Il paradosso è che costoro sono tutti appartenenti a un’unica categoria: sono quelli che si lamentano perché abbiamo una delle Tari più esose d’Italia. Gli stessi ai quali abbiamo provato ripetutamente, noi come giornale della città e l’amministrazione comunale per conto suo, a spiegare che se la tariffa aumenta è a causa degli esagerati conferimenti di rifiuti indifferenziati. Concausa dell’emergenza che stiamo vivendo in questi giorni.

A chi parliamo? Al muro. Ottusi, non c’è altro da aggiungere.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA