Notizie Locali


SEZIONI
Catania 32°

agenzia

16enne morta nel ’95 a Cagliari, istanza per riapertura il caso

La morte di Manuela Murgia era stata archiviata come suicidio

Di Redazione |

CAGLIARI, 25 GIU – E’ stata depositata l’istanza per la riapertura del caso di Manuela Murgia, la ragazza di 16 anni trovata morta il 5 febbraio del 1995 nel canyon di Tuvixeddu a Cagliari. Un caso archiviato all’epoca come suicidio, ma la famiglia non ci ha mai creduto: per loro Manuela è stata uccisa. Adesso dopo una serie di indagini difensive condotte dallo studio legale di Bachisio Mele e dell’avvocata Giulia Lai è stato chiesto ufficialmente che il caso venga riaperto. “Abbiamo fatto delle indagini – ha detto all’ANSA l’avvocato Mele – inoltre sono arrivate importanti informazioni grazie all’attività fatta dai familiari, agli appelli lanciati che ci hanno consentito di avere importanti novità. Questi indizi possono servire alla Procura per riaprire il caso”. In particolare i legali hanno presentato tre richieste: “Vogliamo che si indaghi per omicidio contro ignoti – precisa l’avvocata Lai all’ANSA – abbiamo chiesto che venga riesumato il cadavere per eseguire una nuova autopsia e verificare alcuni elementi emersi che invece la scorsa volta non erano stati approfonditi, come ad esempio dei segni trovati sul collo. Poi è stato chiesto un esperimento giudiziale che riguarda le lesioni riscontrate sul corpo della vittima non compatibili con una caduta da 35 metri di altezza”. In pratica è stato chiesto che venga simulata la caduta utilizzando un particolare manichino. Nelle prossime settimane la Procura deciderà come procedere. Intanto Elisabetta, Anna e Gioele Murgia, sorelle e fratello di Manuela, continuano a combattere e sperano presto di conoscere la verità sulla morte della sorella.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: