Notizie Locali


SEZIONI
Catania 20°

agenzia

Cassazione chiude la più ‘antica’ causa civile italiana

Dopo 50 anni dà ragione ai privati sul litorale veneziano

Di Redazione |

VENEZIA, 23 NOV – Si è conclusa ieri in Corte di Cassazione dopo 50 anni la più vecchia causa civile ancora pendente nelle aule di giustizia italiane. L’azione era iniziata nel giugno del 1973 e aveva come oggetto la delimitazione del demanio marittimo avviata dalla Capitaneria di Porto di Venezia sul litorale del Cavallino, allora nel Comune di Venezia, dopo l’alluvione del 1966. Lo rende noto oggi l’avvocato veneziano Antonio Forza, rappresentante dei ricorrenti privati. Per 50 anni, i privati hanno sostenuto di essere stati depauperati di parte delle loro proprietà, direttamente confinanti con la spiaggia, facendo causa allo Stato, rappresentato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e dall’Agenzia del Demanio. Per loro le superfici demanializzate non avevano le caratteristiche morfologiche e funzionali del Demanio Marittimo e cioè dell’arenile. Chiedevano pertanto di dichiarare l’inefficacia della delimitazione. Il Tribunale nel 1992 aveva rigettato le domande, sentenza impugnata davanti alla Corte d’Appello di Venezia la quale, dopo una consulenza tecnica d’ufficio, nel 2017 ha riformato la sentenza, accogliendole. Lo Stato ha proseguito fino alla Corte di Cassazione che ha infine confermato le ragioni dei privati definitivamente, riconoscendo le loro ragioni e la piena proprietà dei terreni ‘sottratti’ dall’Amministrazione Marittima.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: