Notizie Locali


SEZIONI
Catania 30°

agenzia

Docente sospeso, per studenti Reset ‘troppo pochi nove mesi’

'Colleghe coraggiose, anche i docenti ci hanno aiutato'

Di Redazione |

CAGLIARI, 29 MAR – “Io me lo ricordo lo sguardo spaventato delle mie colleghe, nel 2021. Il timore di dire ‘proprio tutto’ anche a me. Le preoccupazioni di chi temeva per la propria carriera futura (il professore ha ancora un ruolo chiave in Medicina Interna, all’ospedale). E purtroppo ricordo anche alcuni rappresentanti che intimavano alle studentesse di non denunciare. Collusi”. Comincia così il post di Francesco Piseddu, rappresentante di Reset Unica che conferma all’ANSA la vicenda di Angelo Scuteri, il docente di Medicina interna sospeso per nove mesi dall’Universitá di Cagliari per alcuni approcci alle studentesse ritenuti inopportuni. “Abbiamo raccontato di vicende – continua Piseddu – che, a mio avviso, avrebbero dovuto costare ben di più di una sospensione per nove mesi. Nove mesi che, comunque, rimangono quasi inediti tra le sanzioni disciplinari emesse dall’Ateneo. Per questo, ci tengo a ringraziare gli organi universitari che hanno lavorato per arrivarci”. E ancora: “Mi ricordo fortunatamente anche l’umanità e disponibilità dei professori che abbiamo contattato per chiedere aiuto. Tutti presenti, sempre. E la vicinanza dei loro colleghi, che sono sempre rimasti fuori dalla porta di ogni riunione che abbiamo avuto. Comunicare alla stampa (l’ha contattata lui?) che si trattava di un modo per rendere più originali le lezioni è un insulto alle studentesse. Un bel tacer non fu mai scritto”. Poi un plauso al coraggio delle colleghe: “Grazie, invece – continua Piseddu – alle studentesse che hanno deciso di affidarsi a me per le segnalazioni. Mi dispiace tanto di non aver ottenuto di più. Professore, visto che la vita non termina a Cagliari, la prego, se ne vada”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: