Notizie Locali


SEZIONI
Catania 32°

Italia

Fazio lascia la Rai: “Non sono una vittima o un martire”

Il conduttore, come è stato ufficializzato oggi, lascia la Rai dopo 40 anni per passare a Discovery, con cui ha siglato un accordo di 4 anni

Di Redazione |

“Andiamo avanti tranquilli… Non siamo martiri, lavoreremo altrove”. Fabio Fazio apre così la puntata di Che tempo che fa su Raitre. Il conduttore, come è stato ufficializzato oggi, lascia la Rai dopo 40 anni per passare a Discovery, con cui ha siglato un accordo di 4 anni. Con il conduttore, trasloca anche Luciana Littizzetto. La puntata di Che tempo che fa comincia con un’ovazione per Fazio, che si alza dalla sua postazione per ringraziare il pubblico presente in studio. “Andiamo avanti tranquilli…”, dice.

L’argomento, inevitabilmente, condiziona la trasmissione. “Penso di interpretare il pensiero di tutti: caro Fabio, oggi la notizia sei un po’ anche tu. Il fatto che tu lasci la Rai è una gravissima perdita per il servizio pubblico e un grande errore editoriale”, dice Ferruccio de Bortoli.

“Facciamo così, ci togliamo il pensiero -replica Fazio-: sono in Rai da 40 anni, però non si può essere adatti a tutte le stagioni. Non ci sono uomini adatti a tutte le stagioni, io non credo di esserlo. Con grande entusiasmo intraprendo un nuovo cammino, fatto di invenzione e creatività. Qui ho trascorso 40 anni, voglio ringraziare le migliaia di persone con cui ho lavorato e da cui ho imparato. Avevo 18 anni quando ho cominciato. Non posso che avere gratitudine per la Rai, se dicessi qualcosa di scortese -e non accadrà- è come se lo dicessi contro di me. La Rai ha 70 anni, 40 li ha trascorsi con me e io con lei. In qualche modo siamo la stessa cosa. Grazie sincero al pubblico. Ci ritroveremo. Altrove, ma ci ritroveremo”. Poco dopo, la chiosa: “Penso di parlare a nome di Luciana, non abbiamo nessuna vocazione a essere considerati vittime o martiri. Siamo persone fortunatissime, avremo l’occasione di continuare il nostro lavoro serenamente altrove”.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA