Notizie Locali


SEZIONI
Catania 35°

Italia

Inizia processo all’architetto di Putin, in Italia è latitante

E a Brescia il giudice richiama subito le parti, 'toni bassi'

Di Redazione |

BRESCIA, 23 FEB – “È abbastanza chiaro che il processo è animato ma non per il tribunale e al tribunale non interessa. Chiedo un profilo basso”. Così il giudice di Brescia Luca Tringali, dopo un confronto tra accusa e difesa, nelle prime battute del processo a carico di Lanfranco Cirillo, ribattezzato l’architetto di Putin per i suoi legami con il leader russo. L’uomo è accusato di reati fiscali. Cittadino russo iscritto all’Aire, per le autorità italiane Cirillo è latitante in quanto su di lui pende un mandato di cattura internazionale. Nei giorni scorsi la Cassazione ha annullato il sequestro da 141 milioni di euro tra beni mobili e immobili. Oltre a Cirillo sono imputati anche sua moglie e Adriano Gafforini, ritenuto dagli inquirenti il suo factotum italiano e attualmente ai domiciliari proprio per l’inchiesta fiscale e poi Alberto Guerini e i cittadini russi Anna Novitscalia e Vladimir Krutskikh, accusati a vario titolo di concorso nei reati fiscali.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA