Notizie Locali


SEZIONI
Catania 30°

agenzia

Minniti “Cambiare la Bossi-Fini e un Piano europeo per l’Africa”

Di Redazione |

ROMA (ITALPRESS) – “La visione del presidente Sergio Mattarella e quella di Giorgia Meloni non sono in conflitto strategico”. Cosí, sul tema dell’immigrazione, in un’intervista a la Repubblica, l’ex ministro dell’Interno Marco Minniti che, in merito all’appello del Capo dello Stato al rispetto della Costituzione, dell’accoglienza e del pluralismo, letto da sinistra come un richiamo al governo, spiega: “Il tema é da affrontare con profonditá e solennitá per provare a dargli seguito. Ma prima va capito”. Secondo Minniti non é corretto parlare di emergenza, cosí come fa il governo: “Come dice il presidente Mattarella, no. E dunque questo é il modo peggiore per affrontarlo. Come scrive Peter Frankopan, in The earth transformed, il tema dell’immigrazione e del cambiamento climatico accompagna i popoli dall’inizio dell’umanitá. E quindi é ragionevole pensare che nei prossimi 20 anni sará addirittura centrale”. “Se é strutturale non c’é muro che tenga – aggiunge -. Serve un cambio di paradigma. Anche perchê si é capito che la crescita non puó fare a meno dell’ ‘individuo-massa’: la Cina ancora paga la politica del figlio unico. Lo squilibrio demografico che porta all’immigrazione deve essere percepito come opportunitá. E comunque neanche il dittatore piú spietato puó impedire un sogno”. “Tra i muri e i flussi illimitati ci deve essere una prospettiva diversa. E in questo momento si apre uno spiraglio importante. Io lo vedo”, dichiara Minniti, secondo cui “le evidenze, pur nelle differenze, ci sono. Il governo ha aumentato i flussi regolari, e bene ha fatto. E tutti, nel rapporto con la realtá, sono profondamente cambiati. Il che non é banale perchê questo Paese deve evitare di precipitare in un conflitto traumatico, e di tensione sociale, sull’immigrazione”. “I numeri – sottolinea Minniti – sono impegnativi e quindi occorre una responsabilitá condivisa”. “Credo che si potrebbero fare due cose – aggiunge -. La prima é cambiare la legge Bossi-Fini che ormai é percepita da tutti come superata. Non lo dico ideologicamente. Lo direi anche se si chiamasse Minniti-Minniti. Cambiarla sarebbe un bel modo per rendere concreto l’appello di Mattarella”. Minniti pensa che il governo sia favorevole, anche perché “lo ha giá fatto triplicando i flussi regolari. È chiaro che deve cambiare anche il sistema di accoglienza”. Inoltre, secondo l’ex ministro “l’accordo con l’Anci, stipulato nel 2017, per un’accoglienza diffusa invece che in grandi centri, andrebbe rilanciato. Sarebbe importante per una maggiore integrazione. E integrazione e sicurezza sono due facce della stessa medaglia. Vedo non dispiacerebbe anche a importanti esponenti di centrodestra come il presidente del Veneto Luca Zaia. Condivisioni da valorizzare”. Ed allora, secondo Minniti “perchê non promuovere un dibattito in Parlamento, magari aspro, per decidere assieme come cambiare la Bossi-Fini? Concentrato su due punti: l’effettiva utilizzazione delle quote di ingresso legale e far entrare il tema dell’accoglienza diffusa nella legge. Arrivare a un punto comune sarebbe un piccolo capolavoro democratico sulla scia dell’appello di Mattarella. E sarebbe un bel segnale nei confronti dell’Ue nel momento in cui dobbiamo chiedere qualcosa di importante”. “L’Europa sta rischiando di perdere l’Africa e sarebbe un disastro per lo squilibrio demografico e per la sicurezza del pianeta. C’é il problema del Niger, il Mali, la guerra civile in Sudan, la decisione di portare a 11, con l’Iran, i Paesi del Brics. L’Ue deve occuparsene subito. Non puó aspettare le prossime elezioni. Il nuovo governo sará fra 14 mesi di questi tempi un’eternitá”. Un monito che Minniti rivolge “a tutti. Non ci possiamo permettere il ‘vediamo come vanno le Europee e poi si decide la strategia’. Dopo é tardi”. “Penso che l’Italia debba promuovere un vertice straordinario dei capi di Stato e di governo europei – propone -. Al centro il tema dei rapporti con l’Africa. E all’ordine del giorno un piano per la stabilizzazione, la crescita economica e la prosperitá dell’Africa con risorse importanti e immediatamente utilizzabili”. Ed alla domanda se non é il piano Mattei di Giorgia Meloni, risponde: “Vede che le visioni non sono cosí distanti? In questo ambito si potrebbero aprire canali legali di immigrazione gestiti dalle ambasciate e dalla nostra rete consolare. E ai migranti in attesa fare corsi di italiano di conoscenza del nostro Paese e di formazione”. “Parliamo di costruire con l’Africa, e quindi insieme all’Unione Africana e all’Onu, un patto per la gestione legale di flussi migratori. Con la condizione di una lotta senza quartiere ai trafficanti di esseri umani e l’impegno ai rimpatri immediati di chi entra illegalmente. Oggi l’Italia ha un’opportunitá: una visione alta proposta dal presidente della Repubblica, non distante da quella proposta dal presidente del Consiglio, si tratta di coinvolgere pienamente il Parlamento. Questa é la vera forza della democrazia”. – foto Agenzia Fotogramma – (ITALPRESS). vbo/red 27-Ago-23 08:46

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: