Notizie Locali


SEZIONI
Catania 33°

agenzia

Nuovi bandi per la cultura da Fondazione Cariplo

Di Redazione |

MILANO (ITALPRESS) – Sul fronte del sostegno alla cultura, Fondazione Cariplo ha in programma numerose iniziative e progetti per un’ampia azione per la promozione di iniziative che arrivino, soprattutto, a quelle persone che di solito non hanno opportunitá in questo ambito. Sono 4 le direttrici scelte per il mandato 2024-2027: creare valore condiviso attraverso il sostegno alla creazione e allo sviluppo sostenibile di ecosistemi territoriali; ridurre le disuguaglianze intervenendo sulle diverse forme di povertá e fragilitá; allargare i confini comprendendo e gestendo le relazioni tra il territorio di riferimento, l’Italia e l’Europa; creare le condizioni abilitanti al rafforzamento delle comunitá. Dentro questo impianto strategico si muove anche l’azione della fondazione nel settore della Cultura, con una modalitá interdisciplinare. La Cultura infatti ha risvolti sociali e puó essere un veicolo anche per attivitá in campo ambientale. Fondazione Cariplo come sempre sosterrá i progetti che, attraverso la partecipazione ai bandi, le verranno presentati da parte di enti non profit che operano in Lombardia o nelle due province di Novara e Verbania. “Fondazione Cariplo ha la volontá di portare la cultura dove fino ad ora adesso non é arrivata o é arrivata in maniera non cosí compiuta” ha dichiarato Giovanni Caimi, coordinatore sottocommissione arte e cultura di Fondazione Cariplo. Tra gli obiettivi contenuti nella programmazione 2024, infatti, anche quello di coinvolgere almeno 50mila nuovi fruitori. “Abbiamo l’intenzione di aprirci sempre di piú alle collaborazioni per massimizzare i possibili risultati – ha spiegato – Tra le tante iniziative in programma, vogliamo recuperare i luoghi in degrado, affidandoli alle cure e alla gestione delle comunitá locali perchê le facciamo rivivere”. Sono quattro i bandi presentati da Cariplo, in questi giorni, di cui ben tre nuovi. Durante l’anno, poi, ne usciranno altri. L’iniziativa giá attiva da diversi anni é quella citata e riguarda la rigenerazione di luoghi culturali. Con un budget di 5 milioni di euro il bando prevede il sostegno a progetti di rigenerazione culturale di luoghi in disuso o sottoutilizzati e per l’avvio di nuove attivitá, il tutto in stretta collaborazione con i territori e gli enti locali. “Le tre nuove iniziative ci riportano al periodo pre-covid, con l’intensitá e la produzione culturale che c’era prima che il mondo si chiudesse. L’idea é quella di ritornare a puntare in campo culturale sulla qualitá, sul valore della cultura, di portare la cultura in tutte le aree del nostro territorio di intervento dove la fruizione culturale é piú bassa”, ha spiegato Andrea Rebaglio, vicedirettore area arte e cultura di Fondazione Cariplo. Tra le novitá c’é il bando “Valore della Cultura”. Come dice il nome, l’iniziativa punta ad incoraggiare lo sviluppo di un’offerta di cultura ricca, articolata e di qualitá. Con un budget di 3 milioni di euro, i progetti candidati devono tra gli altri migliorare l’offerta culturale in termini di curatela, produzione, gestione e promozione e presentare nuovi linguaggi, modalitá di espressione e metodologie di produzione. Insomma: devono essere al passo coi tempi e con i bisogni di oggi. Un altro bando si chiama “Cultura diffusa” e ha l’obiettivo di favorire l’accesso a un’offerta culturale ampia e diffusa, con particolare attenzione alle aree meno servite e alle forme di espressione artistico-culturale meno rappresentate. Il budget a disposizione é di 2 milioni e 750mila euro. “E infine l’ultima novitá é quella di rilanciare una linea dedicata agli studenti delle scuole superiori. Un’iniziativa che si chiama “clima creativo””, ha aggiunto Rebaglio. Questa iniziativa, per la quale sono stati messi a disposizione un milione e 150mila euro, vuole coinvolgere gli studenti in percorsi educativi interdisciplinari che tengano uniti sostenibilitá ambientale e diversi linguaggi artistico-culturali. “La cultura é per definizione trasversale a tutti i comparti per questo sosteniamo le organizzazioni che operano in questo campo, istituzioni, associazioni, ma stimoliamo al contempo progetti che abbiano ricadute sociali ed ambientali, ha affermato Patrizia Asproni, referente Arte e Cultura del CDA di Fondazione Cariplo – Pensiamo ad esempio alla povertá educativa dove il favorire l’accesso alla cultura alle persone fragili, o a quelle che non hanno la possibilitá di fruirne, contribuisce a ridurre le disuguaglianze e le marginalitá. Questo vale per tutti , giovani, adulti e anziani, che hanno esigenze diverse, ma, in comune, un grande bisogno di opportunitá culturali”. Sappiamo infatti che ci sono persone che non sono mai entrate in un museo, a teatro, al cinema… La cultura deve avere anche un approccio nazionale e internazionale. “E’ importante confrontarci e collaborare con chi é impegnato in questi ambiti, anche al di fuori dei nostri confini” ha aggiunto Asproni sottolineando l’importanza di “sostenere gli enti del terzo settore che operano in questo campo a affinchê possano svilupparsi dal punto di vista progettuale, gestionale e manageriale”. Insomma sono molte le iniziative per l’anno in corso, mentre va ricordato che nel 2023 appena concluso, sul fronte della cultura la fondazione ha finanziato 643 progetti con un impegno di circa 50 milioni di euro. -foto ufficio stampa Fondazione Cariplo- (ITALPRESS). xh7/mgg/red 01-Mar-24 11:37

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: