Notizie Locali


SEZIONI
Catania 34°

Microelettronica

Integrativo StMicroelectronics, Scollo: “Ecco perché con il nuovo accordo Catania diventa il cuore del mondo”

Così la segretaria generale della Fiom Catania, sull’ipotesi di accordo STMicroelectronics firmato da azienda e sindacati. 

Di Redazione |

“Un accordo che proietta Catania nel futuro, importante sia per i lavoratori che per l’intero territorio, perché da un lato porta soldi in tasca ai dipendenti e dall’altro porta ingenti investimenti nella nostra città, facendo del sito catanese, il cuore del mondo STM”.

 Così Rosy Scollo, segretaria generale della Fiom Catania, sull’ipotesi di accordo STMicroelectronics firmato da azienda e sindacati. 

“L’accordo prevede, tra l’altro – continua la sindacalista – 700 assunzioni in una  fabbrica di nuova costruzione dedicata a nuovi dispositivi in carburo di silicio che porranno Catania al centro delle politiche industriali europee e renderanno la nostra area industriale un polo di eccellenza nella dimensione globale”.

Nel dettaglio, l’accordo prevede un aumento del premio di produzione, che arriva ad un massimale di 5500 euro: “Per la prima volta – ha sottolineato la sindacalista – il premio di produzione, che prima era di 3000 euro, è uguale tra i dipendenti di Agrate e Catania”. 

Tra le novità I lavoratori c’è un bonus di 700 euro di fringe benefit a febbraio 2024 per i dipendenti, l’impegno dell’azienda a stabilizzare i Summer Jobs, i contratti stagionali per giovani under 30, e “per la prima volta, le colonie estive per i figli dei dipendenti del sito catanese, che prima erano previste solo per i lavoratori dello stabilimento di Agrate”. 

Nell’accordo anche misure per la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, “con l’aumento del congedo di paternità obbligatorio da 10 a 15 giorni, l’aumento del primo mese di congedo parentale dal 30% al 100% di pagamento e l’aumento di altri due mesi di congedo parentale dal 30% al 50% di pagamento”, ha precisato Scollo. 

“Sono stati tre giorni impegnativi di trattativa – ha concluso la segretaria dei metalmeccanici Fiom, “ma alla fine, grazie anche alla nostra lotta e allo sciopero, portiamo a casa risultati importanti per le lavoratrici e i lavoratori di STMicroelectronics che, adesso, avranno l’ultima parola con il referendum sull’ipotesi di accordo integrativo che abbiamo appena firmato”.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: