Notizie locali
Pubblicità

Archivio

Truffa all'Ue, quattro arresti tra Catanie e Messina

Di Redazione

MESSINA - I carabinieri hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Roberto Scipilliti, 53 anni, Enrico Guerrera, 34, Giuseppe Attilio Amore, 54, e Grazia Giudice, 32, accusati di truffa e falso. Il primo è stato trasferito in carcere, gli altri tre sono ai domiciliari. Eseguito anche un sequestro per equivalente del valore di 200.000 euro nei confronti degli indagati. Secondo quanto emerso dalle indagini Scipilliti ha contattato undici persone con difficoltà economiche e si è fatto consegnare la copia dei documenti di identità e false attestazioni sulla proprietà di terreni agricoli. Successivamente grazie alla complicità di Amore, impiegato presso il Centro di Assistenza Agricola di Catania e di Giudice, impiegata presso il C. A. A. di Lentini, si è adoperato per avviare le pratiche necessarie per ottenere da parte dell'Unione Europea, l'erogazione dei contributi in favore dei richiedenti. Quest'ultimi in realtà non ne avevano alcun titolo, in quanto non erano né titolari né, quantomeno, proprietari di terreni adibiti a coltivazioni. Guerrera ha portato avanti anche lui una delle pratiche false. Il rimborso, poi, andava soltanto in minima parte ai proprietari, il grosso restava agli ideatori della truffa.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: