home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Importazioni record di olio tunisino "destabilizzano" il prodotto siciliano

La Coldiretti: +260% nell'ultimo anno l'import dal paese nordafricano, ora stop ai contingenti d’esportazione a dazio zero verso l'Ue

Palma di Montechiaro, scoperto olio d’oliva “taroccato”

E’ in atto una vera invasione di olio di oliva dalla Tunisia con un aumento record del 260% delle importazioni nel 2018 rispetto allo scorso anno. Lo afferma Coldiretti, in occasione della visita in Sicilia del vicepresidente del Consiglio e ministro per lo Sviluppo economico Luigi Di Maio che ha annunciato l’intenzione di «rivedere i trattati con Marocco e Tunisia, che riguardano arance e olio». Annuncio accolto positivamente da Coldiretti.

«L'Unione Europea - per la Coldiretti - deve respingere al mittente la richiesta del governo di Tunisi di rinnovare la concessione temporanea di contingenti d’esportazione di olio d’oliva a dazio zero verso l'Ue per 35 mila tonnellate all'anno scaduta il 31 dicembre 2017, oltre alle 56 700 tonnellate previste dall'accordo di associazione Ue-Tunisia (in vigore dal 1998».

«E' evidente - denuncia la Coldiretti - il rischio della destabilizzazione del mercato con gli arrivi di olio tunisino in Italia che sono quasi quadruplicati nel 2018, sulla base dei dati Istat relativi al primo quadrimestre che attestano l'importazione di 26,6 milioni di chili. Si tratta - continua l'organizzazione agricola - di produzioni di basso qualità svendute a prezzi insostenibili ma commercializzate dalle multinazionali sotto la copertura di marchi nazionali ceduti all'estero per dare una parvenza di italianità da sfruttare sui mercati nazionali ed esteri, a danno dei produttori e dei consumatori».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • luigi sidoti

    23 Luglio 2018 - 01:01

    Anno di ""dis-grazia"" 1994 ministra Susanna Agnelli accordi trattori e camion FIAT contro olio e agrumi . Successivi governi di vario colore hanno peggiorato gli accordi e con le truffe delle multinazionali. E tutto questo mentre alle nostre aziende vengono bloccati sin dal 2015 i contributi europei per l'inettitudine di gestione dell'ente pagatore AGEA. Quali sono gli interessi per tenerla invece di cacciarla?

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa