Notizie locali
Pubblicità

Messina

Casa di riposo verso gestione «in house»

Di Mauro Romano

Taormina (Messina) -  Si potrebbe andare verso una gestione «in house» da parte del Comune per la Casa di riposo «Carlo Zuccaro». È questa l'ultima ipotesi che sta andando per la maggiore negli ambienti politici e istituzionali di Palazzo dei giurati.

Pubblicità

«Varie sono le possibilità - ha affermato a tal proposito il vice sindaco, Mario D'Agostino - sul futuro del complesso. Certo, adesso potrebbe essere presa in considerazione anche una gestione diretta della Casa di riposo da parte di Palazzo dei Giurati».

E le sperimentazioni in tal senso sono state anche abbastanza positive dal punto di vista finanziario e della funzionalità, come quella del Consorzio per la rete fognante oppure il parcheggio a piani «Porta Pasquale».

Il tutto potrebbe servire per tagliare, magari, la «testa al toro» alla vacatio gestionale attualmente definita dal fatto che la Regione ha definitivamente cancellato dall'Albo speciale delle attività l'«Istituto Sant'Alessio», vecchio gestore del complesso di contrada Sant'Antonio. In sostanza, si sta andando verso una soluzione burocratica definitiva che vedrà come protagonista, probabilmente, la dirigenza degli Uffici dei Servizi sociali.

Occorre, però, risolvere in tempi stretti un problema importante e cioè quale sarà l'immediato futuro del complesso.

«Penso sia opportuno effettuare - ha detto dal canto suo il sindaco Eligio Giardina - un mese di lavori e poi pensare al rientro di quanti sarebbero temporaneamente trasferiti».

Una situazione di grande emergenza, insomma, fermo restando che il complesso, ancora fino a ieri, ha accolto gli anziani. Le sorprese possono essere dietro l'angolo, ma tra le ipotesi gestionali, qualora il Comune dovesse passare la palla, resta anche quella del rientro in campo di un vecchio bando il cui esito è stato annullato in autotutela dalla Casa municipale. Urgono, comunque, interventi di manutenzione per evitare danni alle persone in un complesso che doveva essere, secondo lo scomparso benefattore Zuccaro, il «rifugio» degli anziani taorminesi.

Si tratta di una situazione di emergenza che ancora tarda ad essere risolta. Gli uffici contano, in settimana, di avere a disposizione un piano concreto e fattibile.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: