Notizie locali
Pubblicità

Sport

Serie C, Girone C: Catania e Foggia si beffano a vicenda, il Palermo arriva settimo

Di Leonardo Zermo

Nell’ultima giornata del Girone C della Serie C il Catanzaro si ferma contro il Monopoli, mancando la quinta vittoria consecutiva. I giallorossi sbloccano la partita al 35’ con un bel gol del 2001 Roberto Pierno. Prima di rientrare negli spogliatoi, però, gli ospiti pareggiano con un’incornata vincente di Mario Mercadante. All’inizio della ripresa i padroni di casa tornano avanti con la rete di Desiderio Garufo, che slalomeggia tra i difensori avversari e insacca. Ma, nel finale, arriva il secondo pareggio della formazione pugliese, che acciuffa i calabresi con un sinistro da fuori area di Matteo Liviero. Le Aquile guadagnano un solo punto ma riescono comunque a rimanere al secondo posto, guadagnandosi la pole position in vista dei play-off (che giocheranno a partire solo dal secondo turno nazionale). I biancoverdi, già salvi, chiudono in undicesima posizione. 

Pubblicità


Il Teramo conclude il suo campionato con una vittoria sulla Viterbese. I padroni di casa chiudono la pratica già nel primo tempo grazie al missile di Carlo Ilari e al penalty trasformato da Francesco Bombagi. I biancorossi, nonostante i tre punti, devono accontentarsi dell’ottava posizione, davanti al Foggia ma alle spalle del Palermo (che affronterà ai play-off). La compagine laziale termina al dodicesimo posto.


A proposito di Palermo, i rosanero vincono in trasferta sul campo della Virtus Francavilla. Il match è subito in salita per gli ospiti, che al 21’ si ritrovano a dover inseguire visto il vantaggio dei biancazzurri firmato Leonardo Nunzella. Alla mezz’ora, però, i siciliani ristabiliscono la parità con un colpo di testa di Nicola Valente. Dieci minuti più tardi, prima della fine del primo tempo, lo stesso Valente sigla la propria doppietta personale con una splendida voleé, portando in vantaggio la squadra di Giacomo Filippi. Nella ripresa, all’ora di gioco, il classe 2001 Andrea Silipo chiude i conti, approfittando di un errore della retroguardia avversaria e depositando in rete dopo aver saltato l’estremo difensore. Così le Aquile si assicurano la settima posizione in vista dei play-off (dove affronteranno il Teramo), mentre la formazione pugliese conclude al quindicesimo posto.


La Casertana, già certa del pass per i play-off (dove affronterà la Juve Stabia), termina la stagione con un pareggio casalingo contro la Paganese, già costretta a disputare i play-out per mantenere la categoria. Le maggiori emozioni si concentrano nella prima metà di gara: al 10’ Mario Pacilli stappa il match con un preciso tiro a giro su un bell’assist di Bordin e al 38’ Giuseppe Guadagni fa 1-1 dal dischetto. I rossoblù chiudono in decima posizione e gli azzurostellati al diciassettesimo posto, sopra il Bisceglie. 


Sfida al cardiopalma tra i già campioni della Ternana e la Juve Stabia. Gli ospiti sbloccano l’incontro al 13’ con una ripartenza trasformata da Tommaso Fantacci. Alla mezz’ora, però, Cesar Falletti sciupa dagli undici metri l’occasione per pareggiare, neutralizzato dal portiere Russo. Per l’1-1, quindi, bisogna attendere un’altra mezz’ora, infatti al 59’ l’ex Atalanta Emanuele Suagher - subentrato a Paghera nei primi 45' - ristabilisce la parità. Pochi minuti più tardi Casadei, portiere di riserva dei rossoverdi regala palla a Francesco Orlando, che ringrazia e infila la rete dell’1-2. Tra il 69’ e il 76’ un altro subentrato svolta nuovamente la partita alla squadra di Lucarelli marcando in sequenza il 2-2 e il 3-2: prima spinge in rete un cross al bacio di Partipilo e poi punisce il portiere avversario, che restituisce il favore facendo lo stesso errore commesso dal suo collega pochi minuti prima. Inoltre, a dieci minuti dalla fine, i gialloblù rimangono in dieci uomini per la seconda ammonizione di Alessandro Garattoni, rimediata per simulazione. Nonostante l’inferiorità numerica la compagine campana non molla: all’86’ Luca Berardocco fa 3-3 su calcio di rigore e in pieno recupero, dopo un palo colpito da Falletti, arriva addirittura il 3-4 per la formazione di Castellammare di Stabia, che trova il definitivo vantaggio grazie a un’autorete di Aniello Salzano. La Ternana vola comunque in Serie B, conquistata con largo anticipo, invece grazie a questi tre punti le Vespe scalzano il Catania e concludono il campionato in quinta posizione. Agli spareggi l'avversario della Juve Stabia sarà la Casertana.


L’Avellino chiude male una buona stagione, pareggiando sul campo della Cavese e mancando l’opportunità di ri-scavalcare il Catanzaro. Nel recupero del primo tempo i biancoverdi mettono la testa avanti grazie a un’acrobazia di Giuseppe Carriero. Nei secondi 45’, però, i padroni di casa pareggiano con il colpo di testa di Elio Calderini. Nonostante il finale di stagione in crescendo la squadra di Cava de’ Tirreni arriva ultima e quindi saluta la Serie C, mentre i Lupi, sfortunati nel finale con una traversa colpita, chiudono terzi, dietro il Catanzaro solo a causa degli scontri diretti sfavorevoli. La squadra campana entrerà a far parte dei play-off a partire dal primo turno nazionale.


Finisce 1-1 anche tra Vibonese e Turris, entrambe già salve. Al minuto 36 gli ospiti rimangono in dieci uomini per l’espulsione diretta di Ciro Loreto per aver negato una chiara occasione da gol, ma le maggiori emozioni arrivano nella ripresa: al 65’ il 2000 Marco Spina porta avanti i padroni di casa con un colpo da biliardo dalla distanza, ma al 77’ Mattia Persano risponde in estirada riportando la parità allo Stadio Luigi Razza. La formazione calabrese si piazza sedicesima, i corallini quattordicesimi.


Il Bari vince il derby contro il Bisceglie, mantenendo la quarta posizione (che significa giocare i play-off dal secondo turno di girone). Al 5’ Daniele Rocco firma il vantaggio degli ospiti, ma finale del primo tempo Eugenio D’Ursi pareggia con un tiro al volo. Nella seconda metà di gara i nerazzurri stellati perdono Matteo Pedrini per proteste. I biancorossi sfruttano la superiorità numerica passando in vantaggio all’82’ con una botta dalla media distanza di Mirco Antenucci, che con il suo quattordicesimo gol in campionato regala tre punti ai Galletti, che confermano così il quarto posto, davanti alla Juve Stabia. Il Bisceglie, avendo concluso penultimo in diciottesima posizione, giocherà i play-out. 


Allo Stadio Pino Zaccheria Foggia e Catania pareggiano e si fanno male a vicenda. Al 20’ i padroni di casa sono già avanti 2-0 grazie alle reti di Alessio Curcio sugli sviluppi di un corner e Filippo D’Andrea. Gli ospiti però accorciano al 34’ con il colpo di testa ad anticipare il portiere avversario di Francesco Golfo e pareggiano al 77’ con lo stesso Golfo in tap-in. Con questo risultato i rossoneri terminano noni alle spalle del Teramo e i rossazzurri sesti dietro la Juve Stabia (a meno che la giustizia non restituisca due punti agli etnei). Così le due squadre si riaffronteranno ai play-off.  


 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA