Notizie Locali


SEZIONI
Catania 17°

Politica

Costi Ars, M5S a Miccichè: «Ci querela? Noi quereliamo lui»

Di Redazione |

Palermo – “Dati falsi? Li abbiamo presi da fonti ufficiali dell’Assemblea. Miccichè ci querela? Siamo noi a querelare lui. Lui lo faccia pure e poi si dimetta”. Lo dicono i deputati del M5S dell’Assemblea regionale siciliana, replicando a distanza al presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè. “Tutti i dati che abbiamo presentato in conferenza stampa – dice il deputato Stefano Zito – provengono da fonti ufficiali dell’Ars, Miccichè non sposti il focus della questione, abbiamo denunciato i costi solo per accendere i riflettori sull’inaccettabile improduttività dell’aula. Se avessimo fatto leggi per risollevare la Sicilia, nessuno si sarebbe scandalizzato dei costi”.

Per i pentastellati il problema è che “quest’Assemblea, oltre alle leggi obbligatorie, non ha cavato un ragno dal buco, mentre la Sicilia affonda. Noi la nostra parte l’abbiamo sempre fatta, non a caso siamo il gruppo nettamente più prolifico dell’Assemblea e i più presenti nelle commissioni”. “Miccichè – afferma il capogruppo Francesco Cappello – ci querela? Lo faccia pure e poi si dimetta, non è degno di rappresentare quest’Assemblea che lavora col contagocce, che è in eterna sessione di bilancio e con una conferenza di capigruppo che non si riunisce da tempo nemmeno per programmare i lavori. Intanto saremo noi a querelare lui che ci ha definiti farabutti e ci ha pesantemente offeso”. 

“Miccichè – continua Cappello – dice, tra l’altro, che è falso che restituiamo parte dei nostri stipendi? Peccato per lui che ci sono ben sette progetti che lo testimoniano e perfino opere pubbliche fatte con i nostri soldi, quando il governo che lui sostiene non riesce a farle neppure con soldi pubblici. Piuttosto che fare le pulci alla restituzione dei nostri soldi, Miccichè guardi quanto non restituiscono tutti i suoi colleghi, che sempre si sono sottratti ai nostri appelli e persino ai suoi, se è vero, come è vero, che una richiesta ufficiale del presidente dell’Ars, che sollecitava a tutti i deputati una donazione una tantum di pochi euro, è rimasta lettera morta”.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati