Notizie Locali


SEZIONI
Catania 20°

Ragusa

Tentato rapimento in spiaggia, Gasparri: Csm e Orlando cosa fanno?

Di Alfredo Zermo |

ROMA – «Quanto accaduto su una spiaggia di Ragusa, con il tentativo per fortuna fallito di rapimento da parte di un immigrato nei confronti di una bimba di cinque anni, è inquietante. Ma ancora più assurdo è il fatto che a giorni di distanza l’indiano individuato come autore del gesto sia ancora libero perché il magistrato non ha rinvenuto gli estremi per giustificare il fermo. Ma stiamo scherzando? Funziona così la giustizia in Italia? Se l’immigrato fosse riuscito nel suo intento allora si sarebbe potuto procedere con la carcerazione. Poiché è stato fermato dalle urla della gente, allora è come se non avesse mai commesso nulla. Che vergogna!». Così il senatore di Fi Maurizio Gasparri.

  «Si usa la carcerazione preventiva anche solo sulla base di qualche intercettazione e poi di fronte a un fatto accaduto sotto gli occhi di tutti non si agisce. Ma il Csm e anche il ministro della Giustizia non hanno nulla da dire sull’operato del magistrato che ha lasciato in libertà un criminale? È vero o non è vero che l’indiano risulta essere un pregiudicato, che ha commesso altri reati e che doveva essere espulso dal nostro paese da tempo? Su questa vicenda andremo fino in fondo. Ho già presentato un’interrogazione per vederci chiaro. La faciloneria con cui certa magistratura agisce è intollerabile».COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati