Notizie Locali


SEZIONI
Catania 22°

Calcio

Mattarella in visita al museo del Palermo e allo stadio Barbera

"Un piacere tornare qui dove conservo tanti ricordi"

Di Redazione |

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ha visitato il Palermo Museum e lo stadio Renzo Barbera accompagnato dal presidente del club rosanero Dario Mirri e da una delegazione di giovani del settore giovanile rosanero del Palermo. Il Capo dello Stato ha approfittato della propria presenza nel capoluogo siciliano durante il periodo pasquale, per accettare l’invito del club per una visita informale nella casa del calcio palermitano. Dopo una foto di gruppo sul prato del Barbera, Mattarella ha attraversato il percorso storico del Palermo Museum insieme a Mirri e all’amministratore delegato del Palermo Giovanni Gardini per poi completare la visita nel foyer della tribuna autorità.

“È un piacere ritornare nello scenario unico del Barbera, dove conservo tanti ricordi”

“È un piacere ritornare nello scenario unico del Barbera, dove conservo tanti ricordi» ha dichiarato il presidente Mattarella entrando sul manto erboso dell’impianto di viale del Fante. “La visita del Presidente Mattarella – ha detto Mirri – è un evento straordinario che ci riempie di orgoglio. È un grande piacere per noi ospitare il presidente della Repubblica nella nostra casa, al Barbera, per la prima volta in assoluto. La sua visita onora l’identità del nostro club. Vedere il presidente camminare sul nostro prato è qualcosa che rimarrà per sempre impresso nella nostra memoria. Voglio ringraziare il presidente Mattarella a nome di tutta la famiglia rosanero per aver aggiunto un momento così memorabile alla nostra storia». Il Palermo ha consegnato al presidente Mattarella la maglia ufficiale disegnata dall’artista TvBoy in omaggio a Santa Rosalia oltre a un pallone con le firme di tutti i giocatori e una copia di «Aquile», il libro scritto dal coordinatore scientifico del Palermo Museum Giovanni Tarantino in occasione dei 120 anni di storia del Palermo.

«La visita del presidente Mattarella per noi è un motivo di orgoglio, ma lo è anche per la città e per la tifoseria. Ho saputo che è informatissimo sulle sorti della squadra, questa deve essere una motivazione in più per fare una grande partita e battere il Cosenza lunedì sera». Lo ha detto l’allenatore del Palermo Eugenio Corini a proposito della visita allo stadio Barbera e al Palermo museum di questa mattina del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.«Il fatto che Mattarella ci segua – ha aggiunto Corini – oltre che una motivazione in più e un orgoglio, fa soprattutto piacere perchè è un palermitano doc che ci rappresenta nel mondo e in modo particolare per come esercita lui questo ruolo. Che sia informato sulla squadra della sua città non dico che è una sorpresa ma ci responsabilizza di più e deve essere uno stimolo non solo per la partita di lunedì ma anche per il futuro».

A proposito della partita contro il Cosenza di lunedì sera alle 20,30 al Barbera, Corini ha sottolineato l’importanza di una sfida che potrebbe rilanciare la corsa dei suoi verso la zona playoff. «Se vogliamo puntare a un grande obiettivo – ha detto Corini – dobbiamo vincere le partite e per farlo serve equilibrio fra la solidità difensiva e una proposta offensiva. Abbiamo fatto un percorso per consolidare la nostra classifica, ora per le prossime sette partite occorrerà una sintesi corretta per sviluppare non solo prestazioni positive, ma anche per metterci sopra il marchio che significa vincere. Occorrerà una sana follia senza dimenticare l’equilibrio. Ci sono partite che lungo un percorso possono diventare molto importanti per quello che possono permetterti di sviluppare dopo. Quella di lunedì contro il Cosenza lo è».Corini ha parlato anche dei punti di penalizzazione che potrebbero interessare le dirette concorrenti ai playoff. “Dobbiamo arrivare fra i primi otto solo considerando i punti sul campo – ha concluso l’alleantore – poi la giustizia sportiva valuterà e farà il suo lavoro. Dobbiamo concentrarci solo sulle nostre partite». (ANSA).COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: