Notizie Locali


SEZIONI
Catania 15°

Ultimi aggiornamenti

Torino: Juric, con la Fiorentina vogliamo ripartire

Tecnico a colloquio con Cairo e Vagnati, "fiducioso per futuro"

Di Redazione |

TORINO, 20 GEN – In casa Toro si comincia a programmare il futuro con Ivan Juric al timone della squadra. “Ho visto il presidente Cairo e il direttore Vagnati, è stato un incontro positivo” rivela il tecnico, con i tifosi che sperano si arrivi alla fumata bianca sul suo rinnovo di contratto in scadenza a giugno 2024. “Ma non è quella la priorità, ho ancora un legame lungo e l’importante adesso è fare sei mesi alla grande – precisa l’allenatore sui temi discussi durante il faccia a faccia milanese di giovedì sera – e vedere quale strada prenderà la società: abbiamo tante scadenze tra prestiti e giocatori, ora aspetto di valutare le cose concrete”. Ci sono grandi spiragli, anche perché il suo lavoro è da elogiare: “In un anno e mezzo abbiamo raggiunto grandi risultati sportivi ed economici – aggiunge Juric – con le casse del club che non sono più in una situazione drammatica grazie alla cessione di Bremer, un settore giovanile più forte, il Filadelfia migliorato e con più punti rispetto a prima: la società può guardare al futuro con occhi diversi”. Il presente, però, è la sfida di campionato contro la Fiorentina: il Toro non vince da quattro gare di fila e cerca il colpo esterno. “Vogliamo riprendere la nostra strada, contro lo Spezia abbiamo mostrato stanchezza ma era anche normale – aggiunge alla vigilia della sfida contro i viola, da affrontare anche il primo febbraio nei quarti di finale di coppa Italia – e anche se siamo in emergenza andremo là con l’undici migliore possibile”. Difficilmente ci sarà Schuurs, sostituito da Buongiorno in mezzo alla difesa con Djidji e Rodriguez, e a centrocampo mancherà Lukic: Ricci è sicuro del posto, Adopo insidia Linetty. “Ho grande fiducia in lui e so cosa può darmi” le parole al miele per il classe 2000. In attacco Sanabria è insidiato da Radonjic e Seck, sulla trequarti conferme in vista per Miranchuk e Vlasic. Intanto, si aspettano rinforzi: “Possiamo migliorare tra centrocampo e attacco, ma non parlo di Ilic perché sarebbe poco rispettoso verso il Verona” la chiosa del tecnico sulle trattative di gennaio.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: