home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Agrigento, l'impianto di compostaggio che inquinava ambiente e falde acquifere

La Digos della Questura di Agrigento ha posto sotto sequestro il sito della “Giglione Servizi Ecologici”

Agrigento, l'impianto di compostaggio che inquinava ambiente e falde acquifere

La Digos della Questura di Agrigento ha eseguito un decreto di sequestro preventivo dell’impianto di compostaggio della ditta “Giglione Servizi Ecologici”, di Ioppolo Giancaxio. Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale di Agrigento su richiesta della Procura della Repubblica.

GUARDA LE FOTO

Il sequestro si è reso necessario dopo una perquisizione effettuata dai poliziotti, unitamente a tecnici dell’Arpa effettuato lo scorso 30 gennaio nel corso della quale sono state riscontrate gravi irregolarità nel processo di compostaggio, con violazione della normativa sullo smaltimento dei rifiuti con conseguente deterioramento delle acque, dei terreni e dell’ecosistema circostante, con l’aggravante della continuazione del reato.

I titolari della ditta che gestisce l’impianto e il procuratore generale della stessa sono indagati per una serie di reati ambientali perchè “nelle loro qualità, in tempi diversi, depositavano in modo incontrollato i rifiuti e li immettevano nelle acque superficiali in violazione del divieto” previsto dal teesto unico dell’ambiente e “perché mediante illecito smaltimento di rifiuti cagionavano abusivamente un deterioramento significativo e misurabile delle acque, dei terreni e di tutto l’ecosistema relativo all’impianto di compostaggio”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO