home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Fratello di foreign fighter (già espulso) sbarcato di nuovo a Linosa

E' un tunisino di 22 anni di nuiovo espulso per motivi di pericolosità sociale. E' stato fermato lo scorso 24 giugno perché positivo nello schedario AFIS in quanto già espulso il 3 dicembre 2015

Un cittadino tunisino ventiduenne è stato espulso dal territorio nazionale per motivi di pericolosità sociale. Lo straniero è fratello di un foreign fighter, come informa il Viminale, ed è stato fermato lo scorso 24 giugno insieme ad altri 10 connazionali appena sbarcati sull'isola di Linosa, a seguito dei rilievi fotodattiloscopici, era risultato positivo nello schedario AFIS in quanto già espulso il 3 dicembre 2015 in esecuzione di un provvedimento emesso dal ministro dell’Interno pro tempore per motivi di sicurezza nazionale.

Dopo lo sbarco il tunisino è stato arrestato e trattenuto nel Centro per rimpatri di Caltanissetta. L'uomo è fratello di un foreign fighter, segnalato in ambito di collaborazione internazionale come reclutatore di combattenti in favore dello Stato Islamico ed inserito nella lista consolidata dei «jihadisti/combattenti partiti dall’Italia verso la Siria».

Il tunisino espulso aveva contatti anche con altri jihadisti partiti dall’Italia verso il teatro di guerra siro-iracheno ed estremisti già emersi in contesti investigativi, tra cui un 41enne tunisino, rintracciato a Linosa insieme a lui e già espulso dall’Italia con provvedimento del ministro dell’Interno del novembre 2015. Con questo rimpatrio, il 58° del 2017 - riferisce il Viminale - sono 190 i soggetti gravitanti in ambienti dell’estremismo religioso espulsi con accompagnamento nel proprio Paese dal gennaio 2015 ad oggi.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa