home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Militante pestato a Palermo, il leader di Forza Nuova: «Colpa della campagna d'odio comunista»

Roberto Fiore su Facebook annuncia che sabato sarà a Palermo e inviata alla mobilitazione contro «il ritorno delle tecniche brigatiste»

Militante pestato a Palermo, il leader di Forza Nuova: «Colpa della campagna d'odio comunista»

ROMA, - «Dopo una campagna d’odio seminata dal Gruppo Espresso e seguita da tutta la sinistra inclusa Liberi e Uguali, si scatena l’odio comunista contro Forza Nuova: a Palermo un dirigente Forzanovista è stato colpito sul posto di lavoro, per poi essere legato e vigliaccamente massacrato di botte in dieci contro uno». Lo scrive sul proprio profilo Facebook il leader di Forza Nuova, Roberto Fiore, commentando l'aggressione subita dal responsabile provinciale di Palermo del movimento, Massimo Ursino. «Invito tutti i militanti di Forza Nuova e tutti gli alleati di Italia agli italiani - scrive - alla mobilitazione piena per evitare che la violenza comunista unita ai poteri forti soffochi la nostra voce. Siamo tutti con Massimo Ursino e questo sabato sarò a Palermo. C'è un ritorno alle tecniche brigatiste, contro la violenza comunista chiamo alla piena mobilitazione». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • batterbaleno

    22 Febbraio 2018 - 17:05

    Certo sentire Fiore che da dei violenti ai comunisti,per difendere il suo commilitone picchiatore che nel 2006 si è fatti 2 anni e mezzo di carcere(soltanto) per aver rapinato e picchiato con delle spranghe due cittadini innocenti solo perché stranieri. Beh si proprio coerenti.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO