WHATSAPP: 349 88 18 870

Sequestrato club lounge all'Addaura: indagati dipendenti Regione e Comune

I funzionari pubblici sono indagati per abuso d’ufficio, mentre i gestori per reati ambientali e per avere eseguito opere in assenza di autorizzazione

Sequestrato club lounge all'Addaura: indagati dipendenti Regione e Comune

PALERMO - Nell’indagine che ha portato al sequestro del Cala Levante il 'Sea lounge club' sul lungomare Cristoforo Colombo a Palermo sono indagati dirigenti regionali, comunali e i responsabili della struttura ricettiva.  I funzionari pubblici sono indagati per abuso d’ufficio, mentre i gestori per reati ambientali e per avere eseguito opere in assenza di autorizzazione. Il sequestro del locale è stato eseguito in maniera preventiva per difformità urbanistico-edilizie e il mancato rispetto delle norme di tutela del paesaggio e dei vincoli ambientali e naturalistici della scogliera dell’Addaura.

 

Le indagini sono state coordinate dai pm Bernardo Petralia e Francesco Del Bene, e condotte dal gruppo investigativo tutela patrimonio ambientale della Procura e dalla Forestale. Secondo gli investigatori il sistema autorizzativo era illegittimo: le concessioni demaniali ai fini turistici balneari sono state utilizzate per l’apertura di esercizi commerciali, quali ristorazione ed attività danzante. Nove gli avvisi di garanzia notificati: i reati contestati vanno dall’abuso d’ufficio, alla distruzione e deturpamento delle bellezze naturali.

 

L’indagine sarebbe nata dall’esposto di alcuni cittadini residenti nella zona dell’Addaura, luogo in cui si trova il Cala Levante, assistiti dall’avvocato Carlo Pezzino Rao. Secondo gli inquirenti i titolari avrebbero potuto svolgere, in base alla legge, soltanto attività balneare, invece, grazie a presunte illegittime concessioni demaniali, sono stati realizzati un ristorante, una discoteca e un pub. Nell’indagine è confluita una relazione della Sovrintendenza che parla di «stravolgimento dell’orografia dei luoghi». 

 


Gli indagati: Giovanni Arnone, dirigente generale del dipartimento regionale dell’Ambiente (difeso dall’avvocato Ottavio Pavone), Gaetano Gullo, dirigente del dipartimento Ambiente (difeso dall’avvocato Andrea Pignataro), Giovanni Carlo Galvano, dirigente dello sportello Unico per le Attività produttive del Comune di Palermo (difeso dall’avvocato Roberto Macaluso), Giovanni Paternò, legale rappresentante della società Punta Levante (difeso avvocato Loredana Anzaldi), Andrea Schirò, responsabile del procedimento e dirigente dello sportello unico per le attività produttive del Comune di Palermo (difeso dall’avvocato Claudio Gallina Montana), Bohuslav Basile, dirigente dello sportello unico per le attività produttive del Comune di Palermo (difeso dall’avvocato Fabrizio Biondo), Luca Insalaco, dipendente presso l’assessorato regionale al Territorio e legale rappresentante dell’associazione sportiva «Okeanos» (difeso dall’avvocato Alessandro Martorana), Lucietta Accordino, dirigente del settore urbanistica e edilizia del Comune di Palermo (difesa dall’avvocato Annamaria Zampardi), Marco Misseri, amministratore unico della società Punta Levante srl (difeso dall’avvocato Francesco Marcatajo). 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

I controlli antiterrorismo a Catania

 
Catania, sventata rapina a Tir, sei arresti

 
Comiso, ecco il piromane del Comune

 

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa