WHATSAPP: 349 88 18 870

AUTONOMIA SPECIALE: IL SICILIANO È CRETINO IN SICILIA E GENIO A ROMA?

AUTONOMIA SPECIALE: IL SICILIANO È CRETINO IN SICILIA E GENIO A ROMA?

La Valle d’Aosta, che ha una popolazione di circa centoventimila individui è stata attaccata da un’inchiesta de La Repubblica perché avrebbe più dipendenti pubblici del Piemonte. Un terzo circa dei valdaostani avrebbe un impiego statale. Ci sarebbero una sessantina di partecipate con una miriade di uffici sparsi sul territorio e l’ente, grazie all’autonomia speciale, si prende il novanta per cento delle tasse del territorio per spenderle direttamente senza passare da Roma. Inoltre i cittadini sono distribuiti in settantaquattro comuni, ognuno dei quali con i propri uffici.
Se si aggiunge che la Valle d’Aosta ha anche il Casino, a me pare che sia un esempio perfetto di economia keynesiana funzionante (secondo Keynes la piena occupazione si può raggiungere anche con attività apparentemente inutili, essendoci i soldi ovviamente, e la Valle d’Aosta pare li abbia).
Repubblica, invece, racconta questa piccola regione come luogo di scandalo e ricordando che il Veneto vorrebbe fare la stessa cosa con la richiesta di autonomia. Insomma, mentre nel resto d’Italia l’autonomia sembra funzionare a meraviglia e chi non ce l’ha la vorrebbe, qui da noi arricciamo il naso.
Fa un po’ specie che la Lega, che in Veneto ha fatto una grande battaglia, fino a quest’anno ancora si scagliasse contro l’autonomia siciliana. Allora, seguendo la logica, o sono i siciliani incapaci di essere autonomi, bestie ritardate che non sanno amministrare per problemi atavici, storici, ma anche endogeni, a uso che siamo un po’ cretini di nostro, oppure ha ragione Repubblica quando dice che tutte le autonomie sono dannose. E però, seguendo sempre la logica (anche se, essendo noi siciliani, a logica, a quanto dicono, siamo messi male, bestie che non siamo altro), i parlamentari e i senatori che vanno a Roma per essere centralisti, da dove vengono? Cioè il siciliano sarebbe cretino in Sicilia ma appena arriva a Roma diventa un genio dell’amministrazione della cosa pubblica? E allora cosa c'è nell'aria di Roma?

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

© DIREZIONE LA SICILIA - I contenuti di questa sezione sono prodotti e inseriti autonomamente dagli autori. Pertanto sono riconducibili alla diretta responsabilità dei blogger e non sono in alcun modo espressione dell’Editore, della Direzione e della Redazione di questa testata.

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • Catanese

    31 Ottobre 2017 - 07:07

    Non ho capito bene dove porta il suo pensiero, ma è innegabile che la Sicilia è amministrata male.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO