home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Marina tunisina sequestra peschereccio di Mazara del Vallo Anna Madre

Secondo l'armatore l'intervento dei militari nordafricani armati sarebbe avvenuto in acque internazionali

Marina tunisina sequestra peschereccio di Mazara del Vallo Anna Madre

Il peschereccio mazarese «Anna Madre» è stato sequestrato nella notte da una motovedetta tunisina mentre si trovava in acque internazionali, a sud di Lampedusa. A bordo dell’imbarcazione sono saliti cinque militari tunisini armati che hanno rinchiuso in una cabina il comandante, Giacomo Giacalone, hanno assunto il comando e invertendo la rotta si stanno dirigendo verso il porto di Sfax,

A dare la notizia è stato Giampiero Giacalone, uno degli armatori dell’imbarcazione che appartiene alla società «Pesca giovane srl».

Il peschereccio era già sfuggito a un tentativo di sequestro, sempre ad opera di militari tunisini, lo scorso 2 agosto, mentre si trovava sempre in acque internazionali.

«Ho appreso la notizia del sequestro dell’Anna Madre dalla Capitaneria di porto - riferisce Giampiero Giacalone -. Dalle notizie in nostro possesso sono intervenuti sia la nave della Marina militare italiana che si trovava a una quindicina di miglia dal nostro natante sia un elicottero sempre della Marina militare italiana. Sappiamo inoltre, che i cinque militari tunisini saliti a bordo erano armati». Per l’armatore quello che è accaduto: «E' un fatto anomalo, che stiamo valutando. Va anche evidenziato che a bordo il nostro peschereccio non ha pesce fresco, ma soltanto congelato. Nella stiva ci sono all’incirca tre tonnellate di gamberi e cento chilogrammi di pesce misto. Si tratta di specie di pesci che non si pescano nelle acque tunisine. Al momento attendiamo di avere notizie dalle fonti diplomatiche interessate».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • corto maltese

    corto maltese

    16 Settembre 2017 - 17:05

    credo d' aver letto che i motopesca sono scortati dalla Marima Militare Italiana , come è stato possibile che quattro straccioni sequestrano il peschereccio , dov' era la scorta , si era addormentata ? che fà il ns. governo ? come reagisce all ' ennesimo atteggiamento ostile da parte delle autorità tunisine ? i cittadini dovrebbero avere delle risposte .

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa