WHATSAPP: 349 88 18 870

Mafia, stragi di Capaci e via D'Amelio, per la Procura di Caltanissetta Matteo Messina Denaro è uno dei mandanti

Notificata alla madre del boss latitante a Castelvetrano la richiesta di rinvio a giudizio. Udienza fissata per il prossimo 22 dicembre

Mafia, stragi di Capaci e via D'Amelio, per la Procura di Caltanissetta Matteo Messina Denaro è uno dei mandanti

La Procura di Caltanissetta ha chiesto di rinvio a giudizio del boss latitante Matteo Messina Denaro perché considerato uno dei mandanti delle stragi di Capaci e Via D’Amelio. L’udienza preliminare è stata fissata per il prossimo 22 dicembre. La richiesta di rinvio a giudizio è stata notificata alla madre del mafioso a Castelvetrano.

Arriva dunque al capolinea l’inchiesta sul presunto ruolo del latitante negli omicidi di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. L'ordinanza di custodia cautelare per Messina Denaro era stata emessa dal gip di Caltanissetta nel gennaio scorso. Per il procuratore capo di Caltanissetta Amedeo Bertone, i sostituti Lia Sava e Gabriele Paci e il pm Stefano Luciani, Messina Denaro fu tra i componenti della cupola mafiosa che decisero la morte di Falcone e Borsellino, uccisi negli attentati di Capaci il 23 maggio '92, e in via D’Amelio il 19 luglio '92, insieme agli agenti delle scorte.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa