WHATSAPP: 349 88 18 870

Per il patron della Ksm Basile stop ai domiciliari: il gip gli dà l'obbligo di dimora a Milano

L'imprenditore era finito ai domiciliari per calunnia e minacce nei confronti di una donna con la quale avrebbe avuto una relazione

Calunnia, arrestato il patron della Ksm Rosario Basile

Il Gip di Palermo Filippo Serio ha accolto le istanze dei difensori di Rosario Basile, presidente della Ksm (azienda che si occupa di servizi di sorveglianza), accusato di minacce e calunnia, revocando la misura degli arresti domiciliari e disponendo l’obbligo di dimora a Milano.

Le richieste dei difensori Francesca Russo, Nino Caleca, Roberto Mangano e Antonio Ingroia vertevano sulle esigenze cautelari che, secondo il gip, possono essere garantite con l’obbligo di dimora nella città lombarda dov'è lo stesso Basile si è detto disponibile a trasferirsi.

Ad accusare Basile era stata la presunta amante, secondo cui l’uomo d’affari palermitano avrebbe organizzato un piano fatto di minacce, ritorsioni e violenza privata per invitare la donna ad abortire e poi per non riconoscere il bimbo che sarebbe nato dalla loro relazione sentimentale. Secondo Basile è invece tutto un complotto ordito dalla donna nei suoi confronti.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa