Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Calcio: lo studio, stadi chiusi costati ai club 2,5 mld nella sola stagione 2019/2020

Di Redazione

Roma, 24 ago. - Ammontano a due miliardi e mezzo di euro le perdite dei club dei 5 campionati di calcio più importanti d'Europa causate dalle misure adottate dai Governi per contenere la pandemia da Covid, con conseguenti partite giocate a porte chiuse o con capienza notevolmente ridotta. Lo dice lo studio di Kpmg, secondo cui dalla primavera del 2020 si è ridotto del 27% il numero di partite con pubblico nella stagione 2019/2020 in Inghilterra, Germania, Spagna, Italia e Francia con una perdita per mancati incassi tra biglietteria, sponsor, merchandising e catering che ammonta appunto a 2,5 miliardi.

Pubblicità

Le perdite più pesanti le ha accusate il campionato tedesco, la Bundesliga, essendo il torneo con il più alto numero medio di spettatori per partita al mondo, con 157 milioni di euro di perdite per i 18 club. Mentre quello francese la Ligue 1 ha perso tre volte di meno (48 milioni). La Serie A ha subito una contrazione di 79 milioni, meno di Premier e Liga, entrambe di poco sopra i 100 milioni. A livello di club, il Barcellona è stato quello più colpito tra le cinque con una contrazione di 39 milioni di euro di entrate relative al match day, poiché il Camp Nou, un'attrazione turistica di per sé con 73.588 spettatori, registrava la terza presenza media di spettatori più alta dietro Borussia Dortmund e Bayern Monaco.

La stagione 2020/2021 che si è svolta quasi completamente a porte chiuse nei cinque Paesi e Kpmg stima una perdita totale ancora maggiore che non sarà bilanciata da questa appena iniziata che offrirà solo un parziale recupero di tali perdite. I quadri normativi tra l'altro sono molto diversi e probabilmente cambieranno ancora, con l'Inghilterra che consente stadi a piena capacità, mentre la Spagna consente solo il 40% di presenze e la Serie A italiana il 50%.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: