Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Covid: studio, in 2020 peggior calo aspettativa vita da II guerra mondiale

Di Redazione

Roma, 27 set. - Nell'anno del Covid, l'aspettativa di vita media degli uomini italiani è scesa di oltre dodici mesi, sull'onda della maggiore mortalità registrata causa pandemia, scendendo a circa 80 anni. E visto che servono in media oltre 5 anni per 'guadagnare' un anno di vita media è come se su questo punto si fosse tornati al 2015, Ma il nostro paese non è affatto solo, visto il calo generalizzato in tutti i paesi coinvolti dalla pandemia e che ha interrotto un processo di allungamento della vita media che andava avanti dalla fine della seconda guerra mondiale.

Pubblicità

A certificare questo peggioramento dell'aspettativa di vita (che indica una stima legata al tasso di mortalità registrato nell'anno considerato) è uno studio dell'Università di Oxford: sui 29 paesi considerati, solo Norvegia e Danimarca non hanno registrato variazioni di livello nell'aspettativa di vita maschile. Il calo più forte (-2,2 anni) è stato invece sperimentato negli Stati Uniti, un dato condizionato dalla circostanza che negli Usa un elevato numero di vittime di Covid erano maschi in età lavorativa, mentre in Europa la media delle vittime era over-60. Come ha spiegato uno degli autori dello studio, José Manuel Aburto, "l'ultima volta che paesi come Spagna, Inghilterra e Italia hanno registrato cali così forti dell'aspettativa di vita alla nascita in un solo anno è stato durante la seconda guerra mondiale".

Pesante anche il calo dell'aspettativa di vita delle donne americane che - secondo lo studio del Leverhulme Centre for Demographic Science - nel 2020 hanno 'perso' 1,65 anni, anche qui una riduzione senza precedenti almeno dai tempi della seconda guerra mondiale.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: