Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Foibe: Rosato, 'Montanari anacronistico e divisivo, riporta dibattito a 30 anni fa'

Di Redazione

Roma, 30 ago. "Anacronistico e divisivo". Così Ettore Rosato, presidente di Italia Viva, definisce Tomaso Montanari che, dopo le polemiche dei giorni scorsi, è tornato sul caso Foibe. Dice Rosato all'Adnkronos: "A Trieste, quando ho iniziato a fare politica all'inizio degli anni 90 destra e sinistra si scontravano quotidianamente su Foibe e Tito. Accadeva anche nello scontro tra italiani e jugoslavi, raramente capaci di sanare le divisioni del secolo scorso".

Pubblicità

"Abbiamo dovuto attendere la caduta dei muri, il venir meno dei confini, il faticoso lavoro messo in campo dalla politica nazionale e locale più matura, fino allo storico incontro dell'anno scorso del presidente Mattarella con il Presidente sloveno Pahor a Basovizza, per poter immaginare una memoria storica condivisa su questo pezzo della nostra storia".

"Il Giorno del Ricordo è una ricorrenza oggi finalmente riconosciuta da tutti, certo c'è sempre qualche stonatura di qua o di la, minoritaria e nostalgica. Ma -sottolinea il presidente Iv- non pensavo che un rettore, un uomo con grandi responsabilità nell'educazione e nella formazione, per questioni di opportunismo politico potesse usare toni così anacronistici e divisivi come continua a fare Tomaso Montanari che vuole riportare, al pari di alcuni esponenti della destra più radicale, le lancette dell'orologio del dibattito politico su questi temi indietro nel tempo, a trent'anni fa. Per fortuna si troverà da solo".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: