Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Osteoartite nel cane, cosa fare?

Di Redazione

(Torino, 26/10/2021 ) - Torino, 26/10/2021 - L'osteoartrite nel cane è una malattia al quanto diffusa, oltre che comune. Purtroppo si tratta di un mutamento di tipo degenerativo, oltre che cronico, che intacca il cane a livello articolare.

Pubblicità

Questa malattia è accompagnata da dolore e anche da una lenta ma progressiva limitazione alla mobilità articolare che viene interessata dalla patologia. L'osteoartrite non è né infettiva né infiammatoria, ma è causata dalla degenerazione permanente della cartilagine dell'articolazione.

Osteoartrite nel cane: quali sono le cause principali

L'osteoartrite nel cane si manifesta sia a carico di un'unica articolazione sia su più articolazioni. Questa patologia può intaccare gli arti, ma anche tutte le altre articolazioni del cane. Di solito però quelle più colpite sono: il gomito, l'anca, il ginocchio oppure la spalla.

Lapatologia si manifesta principalmente nei cani anziani, anche se non è insolito che in alcuni casi si possa presentare anche in esemplari ancora in età giovanile.

Per quanto riguarda la razza, alcune sono notoriamente geneticamente predisposte a questa problematica, come ad esempio alcune razze di cani di taglia piccola. Ciò non esclude però che anche alcuni cani di taglia grande né possano soffrire.

L'osteoartrite vede varie cause. Una delle principali è quella del carico eccessivo sulle articolazioni ad esempio se il cane è in sovrappeso, oppure quando viene impiegato per alcuni lavori che causano una pressione articolare nel corso degli anni.

Anche un trauma, uno stiramento oppure una distorsione dovuta a delle rotture ossee può portare nel tempo alla manifestazione di questa patologia. Gli stati infiammatori articolari che sono causati da delle infiammazioni come l'ehrlichiosi o la borreliosi, sono anch'esse causa della osteoartrite.

Infine, ci sono i casi di disallineamento o di malformazione degli arti, come ad esempio quello determinato dalla displasia dell'anca.

Tutte queste cause portano le articolazioni del cane a sopportare dei sovraccarichi e quindi dei danni a livello della cartilagine, portandolo a perdere elasticità e infine a soffrire di osteoartrite.

Osteoartrite cane: come intervenire per curarla?

Come tutte le patologie a carico dell'apparato articolare che sono definite come degenerative e croniche, anche l'osteoartrite del cane non prevede una cura che determini la definitiva ricostituzione della cartilagine intorno alle articolazioni.

Per questo motivo, il primo passo è sicuramente far visitare il cane dal veterinario, solo in questo modo è possibile comprendere quali sono le cause, in che modo dev'essere individuata e calmierata la causa che ha portato alla comparsa della patologia.

Infatti, anche se non si può curare in modo definitivo è possibile rendere più lento il progredire della patologia.

Se il cane è in sovrappeso, una delle prime soluzioni è improntare con il veterinario un piano di alimentazione che possa fargli perdere peso, in modo tale da gravare meno sull'usura delle articolazioni.

Fare un percorso di fisioterapia con il cane è un'altra soluzione consigliata. Infatti, mediante il movimento e il giusto allenamento si va a lavorare adeguatamente sulla tensione muscolare e di conseguenza si permette lo sviluppo della muscolatura.

Insieme alla fisioterapia è possibile anche impostare degli esercizi a basso carico da fare con il proprio cane. In questo modo, oltre a passare del tempo con lui, si ha anche la possibilità di mantenere più sane le articolazioni.

Infine, il veterinario può consigliare delle terapie mediche e farmacologiche, da unire anche a una giusta ed equilibrata alimentazione.

Ad esempio, alimenti che sono ricchi di grassi acidi omega 3 e che hanno degli effetti antinfiammatori e che possono dunque sostenere la terapia al fine di calmare il dolore cronico provocato dalla osteoartrite.

In ogni caso, si consiglia fortemente di seguire sempre le indicazioni del veterinario, che di solito ha un approccio multimodale, per riuscire a garantire al cane il giusto stato di benessere e salute.

Per informazioni:

Candioli Pharma lavora sul mercato nazionale e internazionale puntando sempre alla qualità e all'innovazione. Quest'eccellenza nel campo dello sviluppo e produzione ha permesso a Candioli Pharma di affermarsi come leader storico nel mercato italiano per la commercializzazione e produzione di antiparassitari ad uso umano. Nel corso dei 135 anni di storia che la contraddistinguono, l'azienda ha definito diversi campi di specializzazione. Per lo più ha legato il suo nome a prodotti innovativi nel settore veterinario. In questo mercato è presente con tre specifiche linee di prodotti: uccelli, piccoli animali e cavalli atleti.

Dicitura del prodotto approvata dal Ministero:

I mangiami complementari dietetici Confis Ultra e Confis Start sono destinati a particolari fini nutrizionali per i cani. Confid gatti, invece, si presenta come mangime complementare dietetico ai fini nutrizionali per i felini. I marchi: Hyal-Joint® DS (HA), b-2Cool® e CS bioactive® sono registrati da Bioiberica, S.A.

Contatti:

CANDIOLI Srl

Strada Comunale di None, 1 10092 BEINASCO (TO)

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: