Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Tennis: ritorno anticipato in Australia per Djokovic 'nelle giuste circostanze'

Di Redazione

Berlino, 17 gen. Novak Djokovic potrebbe fare un ritorno in Australia prima del previsto nonostante il serbo debba affrontare un divieto di tre anni dal paese, secondo il primo ministro Scott Morrison. Il numero uno del tennis mondiale, a quota 20 titoli del Grande Slam con Rafael Nadal e Roger Federer, ha visto il suo visto cancellato per la seconda volta domenica per motivi di salute pubblica. Djokovic ha cercato di ribaltare la decisione originale di rifiutare il suo ingresso in Australia, a causa del suo status di non vaccinato e delle regole del coronavirus del paese. Questo impedisce al 34enne serbo di difendere il suo titolo all'Australian Open, oltre ad un divieto automatico di tre anni dal paese ai sensi della legge sull'immigrazione, a meno che il ministro dell'immigrazione australiano non annulli la sentenza.

Pubblicità

Sarebbero necessarie ragioni convincenti o compassionevoli per farlo, ma Morrison si rifiutò di escludere la possibilità che Djokovic tornasse presto. "Non ho intenzione di precondizionare nulla di tutto ciò o dire qualcosa che non consenta al ministro di effettuare le varie chiamate che deve fare", ha detto Morrison a 2GB Radio. "C'è un divieto per un periodo di tre anni, ma c'è l'opportunità per una persona di tornare nelle giuste circostanze, e questo sarà considerato in quel momento". Morrison ha quindi insistito sul fatto che Djokovic, che ha già espresso la sua delusione per la sentenza, e qualsiasi altro concorrente in Australia devono rispettare le loro regole. "Se sei una persona che viene dall'estero e ci sono condizioni per entrare in questo paese, allora devi rispettarle", ha continuato. "Si tratta di qualcuno che ha cercato di venire in Australia e non rispettare le regole di ingresso al nostro confine".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: