Notizie Locali


SEZIONI
Catania 23°

Agrigento

Vasto incendio danneggia la Riserva di Torre Salsa

Di Enzo Minio |

Siculiana (Agrigento) – Trenta ettari dell’area naturale del Pantano, all’interno della riserva naturale di Torre Salsa, affidata al WWF, tra Siculiana e Montallegro, è stata distrutta da un incendio che è scoppiato nel pomeriggio di sabato e che pare abbia origini dolose.

La zona umida, rifugio di migliaia di animali e volatili per la presenza del torrente Salso, e la macchia mediterranea è stata cancellata dalle fiamme che hanno distrutto la flora e la fauna presenti.

Le fiamme hanno raggiunto pure le case della Palombara sulla collina. Circa un migliaio di bagnanti sul litorale e le loro autovetture al parcheggio sono stati subito fatti sgomberare dal personale della riserva e dalle forze dell’ordine arrivati subito sul posto, attraverso il percorso dell’Eremita, essendo la strada del Pantano in fiamme.

I vigili del fuoco, il corpo della forestale, i volontari della protezione civile, la polizia municipale, gli operatori del WWF e anche i carabinieri, aiutati dalla presenza di due elicotteri arrivati da Boccadifalco Palermo e da Trapani Birgi, che hanno buttato acqua marina sul vasto rogo, sono riusciti a circoscrivere l’incendio che era visibile per il fumo anche a chilometri di distanza.

Gli ultimi focolai sono stati spenti dalle squadre antincendio dopo la mezzanotte di domenica.

Danni al territorio della riserva sono enormi perché le fiamme hanno cancellato la macchia mediterranea naturale, i canneti, tutta la zona umida.

Sono in corso le indagini dei carabinieri al fin di accertare come l’incendio abbia avuto origine in due punti della riserva.

«Questa circostanza – afferma il direttore della riserva di Torre Salsa Girolamo Culmone – fa pensare ad un’azione scellerata e dolosa di piromani. Sono tanti i nemici della riserva. E’ un attacco preciso alla natura e alla fruizione delle aree protette. Forse siamo di ostacolo e diamo fastidio agli amici del cemento. Turismo e sviluppo economico si fanno pure con la salvaguardia del territorio e dell’habitat naturale. Chiederemo ai carabinieri di attenzionare particolarmente l’azione di attacco a Torre Salsa».

Non è la prima volta che la Riserva subisce atti intimidatori.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: