Notizie Locali


SEZIONI
Catania 19°

Provenzano resta al 41 bis «Potrebbe ancora dare ordini»

Provenzano resta al 41 bis «Potrebbe ancora dare ordini»

Il Tribunale di sorveglianza di Roma ha respinto l’istanza di revoca del carcere duro presentata dall’avvocato del boss, Rosalba Di Gregorio: «È ancora un pericolo»

Di Redazione |

Il tribunale di sorveglianza di Roma ha respinto il ricorso del legale del boss Bernardo Provenzano, l’avvocato Rosalba Di Gregorio, con cui si chiedeva la revoca del 41 bis per il capomafia. Alla base della richiesta c’erano «le condizioni gravissime e in stato quasi vegetale» del superboss. Per i magistrati però resta il pericolo di contatti tra Provenzano e l’organizzazione mafiosa. Il ricorso del legale puntava sul «cronico e irreversibile decadimento intellettivo e sulla incapacità di comunicare» di Provenzano, elementi che farebbero venire meno la pericolosità che giustifica il 41 bis. I giudici, che hanno respinto il ricorso, danno per acquisito il decadimento cognitivo accertato da diverse perizie, ma, sulla base di una relazione di novembre, sostengono che il boss, se stimolato, è in grado di muovere gli occhi e dire qualche parola di senso compiuto, anche se le funzioni motorie sono compromesse e Provenzano non è in grado di mantenere l’attenzione per più di qualche secondo. «Tuttavia – scrivono – non è venuto meno il pericolo che Provenzano, capo indiscusso di Cosa nostra e punto di equilibrio tra le sue varie componenti, possa mantenere i contatti con l’organizzazione». Per il tribunale il deficit mentale «non esclude in termini di certezza che il boss possa impartire direttive criminali anche attraverso i familiari». Ricordando quando, da latitante, dava ordini attraverso i pizzini, i giudici sostengono che in un attimo di lucidità il capomafia potrebbe dare indicazioni in grado «di assumere una valenza significativa e fatte pervenire all’esterno».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: