Notizie locali
Pubblicità

Catania

Catania, aspetta la maestra e la picchia: «Non dovevi rimproverare mio figlio»

Denunciata una donna di 26 anni. Il raid era stato annunciato e ritardato sol perché era incinta

Di Redazione

Ha atteso l’ex maestra del figlio davanti la scuola e ha mantenuto le minacce fatte un anno prima dopo che la vittima aveva "osato" rimproverarlo in aula: l’ha picchiata davanti al ragazzino che alla fine ha fatto avvicinare compiaciuta per fargli vedere il risultato della sua azione violenta.

Pubblicità

E’ l’accusa contestata a una 26enne dai poliziotti del commissariato Borgo Ognina di Catania che è stata denunciata in stato di libertà. Per gli investigatori è stato un "raid punitivo" annunciato, ritardato per la gravidanza della madre del ragazzino. Quando il figlio un anno fa è tornato a casa raccontando alla mamma di essere stato rimproverato dalla maestra, lei si è recata a scuola minacciando l’insegnante: «Ora sugnu incinta, ma appena partorisciu i primi coppa su pi tia» («Adesso sono incinta, ma appena partorisco le prime legnate sono per te», ndr) le ha detto.

Nei giorni scorsi si è recata a scuola, ha atteso la fine delle lezioni e quando l’ex maestra è uscita e stava per entrare nella sua auto l’ha aggredita facendola cadere a terra e l'ha poi colpita con calci e pugni davanti ad alunni e ai loro genitori che erano furori dall’istituto e che hanno chiamato il 112. Finito il pestaggio la donna ha fatto avvicinare il figlio per mostrargli compiaciuta l’esito finale del suo raid. La maestra è stata portata in ambulanza nel pronto soccorso di un ospedale dove è stata sottoposta alle cure del caso. A conclusione delle indagini avviate dal commissariato Borgo Ognina di Catania la donna è stata identificata e denunciata. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA