Notizie locali
Pubblicità

Covid-19

Covid, il bollettino del 6 giugno: in Sicilia 756 casi (ma pochi tamponi), un morto e ricoveri stabili

Il bollettino diffuso dal ministero della Salute

Di Redazione

Casi e ricoveri sostanzialmente stabili in Sicilia nelle ultime 24 ore. E’ quanto emerge dal bollettino del 6 giugno diffuso dal ministero della Salute. In Sicilia sono stati diagnosticati altri 756 casi di covid con 6.056 tamponi processati (ieri erano stati 1.552 ma con 13.439 tamponi). Il tasso di positività è pressoché stabile al 12,4% (ieri era al 11,5%).

Pubblicità

Stabili anche i ricoveri: in ospedale per covid ci sono al momento 542 persone (+6) delle quali 516 in area medica (+5) e 27 in terapia intensiva (+1). U solo morto e il numero delle vittime siciliane del virus sale a quota 10.985.

I guariti sono stati 715 e il numero delle persone attualmente positive in Sicilia risale sopra quota 60mila: 60.088.

LE PROVINCE.

Palermo: 287.287 casi complessivi dall'inizio della pandemia (362 nuovi casi)

Catania: 251.946 (138)

Messina: 172.156 (55)

Siracusa: 110.538 (66)

Agrigento: 95.282 (51)

Trapani: 93.297 (67)

Ragusa: 87.377 (63)

Caltanissetta: 71.913 (39)

Enna: 34.491 (19)

IN ITALIA. Sono 8.512 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 15.082. Le vittime sono invece 70, ossia 43 in più di ieri (27). Sono stati eseguiti in tutto, tra antigenici e molecolari, 75.010 tamponi con il tasso di positività al 20,1% in aumento rispetto al 12,1% di ieri. Sono 217 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, uno in meno di ieri. Gli ingressi giornalieri sono 12. I ricoverati nei reparti ordinari sono 4.453, ovvero 42 più di ieri. Gli attualmente positivi sono 631.348, dunque 10.079 in meno nelle ultime 24 ore. In totale sono 17.514.589 gli italiani contagiati dall’inizio della pandemia, mentre i morti salgono a 167.019. I dimessi e i guariti sono 16.716.222, con un incremento di 18.625 rispetto a ieri. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: