Notizie locali
Pubblicità

Covid-19

Obbligo Green Pass sullo Stretto, De Luca comincia anche lo sciopero della fame

Il sindaco dimissionario di Messina, già accampato in tenda al porto da due giorni: «Alzeremo il livello della protesta in assenza di risposte da Roma»

Di Redazione

Il sindaco di Messina Cateno De Luca, che ha passato la seconda notte in tenda al molo San Francesco, dove si trovano gli imbarcaderi dei traghetti, da oggi comincerà anche lo sciopero della fame per manifestare il proprio dissenso contro la norma che prevede l’obbligo del Green pass rafforzato per l’attraversamento dello Stretto. Una norma che secondo il primo cittadino non garantisce la continuità territoriale.

Pubblicità

«Oggi - spiega De Luca - verrà a trovarmi il Presidente dell’Ars Gianfranco Micciché, per manifestare la sua presa di posizione che sarà poi tradotta in aula con un dibattito nel pomeriggio e forse con una mozione. Ringrazio tutti coloro che mi hanno portato coperte e cuscini, dolci, arancini, focacce e limoncelli fatti in casa. È un segno di presenza della cittadinanza anche in momenti particolari come questi, ma non disturbatevi più di tanto perché se non si cambia qualcosa, prima di portare alla fame i siciliani comincio io da oggi lo sciopero della fame. Resto qui e vi assicuro che non sarò solo nella mia protesta». 

 

 

La colorita protesta di De Luca, accampato in una tenda sul molo, ha anche qualche piccolo risvolto personale: «Stamattina mi sento tutto rotto. C'è un’età per tutto, fisicamente ne risento...» ha svelato De Luca in una diretta Facebook, dicendosi pronto, però, ad alzare il livello della protesta in assenza di risposte da Roma. «Vediamo se arriva qualche segnale. Abbiamo dato dei tempi. Se dobbiamo arrivare alla rottura la scadenza sarà sabato mattina - avverte -. Arriveranno delegazioni da tutta le città della Sicilia, perché il problema della continuità territoriale non è solo di Messina, ma riguarda tutti. Bloccheremo la città. Spero di non arrivare a questo corto circuito».

 

 
Una battuta anche per il presidente della Regione: «Credevo stamattina, uscendo dalla tenda di trovare qui il presidente Musumeci, ma non è venuto. Ancora è in tempo...». 
 

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA