Notizie Locali


SEZIONI
Catania 20°

Covid-19

Vaccini, commissario hub Messina: «Estate Covid free alle Eolie»

Di Redazione |

Messina – L’estate 2021 sarà Covid free alle isole Eolie. Lo ha annunciato il commissario per l’emergenza Covid e responsabile dell’hub vaccinale di Messina, Alberto Firenze. “Stiamo progettando le Eolie Covid free – spiega – che prevede la copertura vaccinale per tutti i i cittadini delle isole. E’ la cosa su cui stiamo lavorando con i medici di Medicina generale che ci supporteranno”. Ma quando sarà possibile iniziare con la vaccinazione per tutti gli isolani? “Aspettiamo le dosi di Johnson&Johnson”, dice Firenze, a margine della visita del generale Francesco Paolo Figliuolo. “Sarà l’occasione per noi di confrontarci perché questa parte di territorio è importante – dice – si tratta di siti turistici che possono diventare luogo di incontro, nella speranza che l’estate sia migliore dello scorso anno, quando qualcuno pensava che la pandemia fosse già terminata…”.

Proprio oggi un ristoratore e albergatore di Lipari si era sfogato per la difficile situazione che sta vivendo. «I nostri genitori hanno fatto i conti con la guerra, noi con il coronavirus ed è un disastro», dice Antonio Bernardi, già vaccinato per essere un over 80, patron del ristorante «Filippino» e anche del “Group Bernardi” che raggruppa alberghi e residence . «Non avrei mai e poi mai pensato che un giorno ci saremmo ritrovati in questa drammatica situazione – aggiunge – la mia vita per oltre 60 anni è stata vissuta in questo locale creato 110 anni fa e dopo 12 mesi di pandemia mi fa ancora tanta rabbia ritrovarmi in questo stato. Abbiamo avuto un incontro tutti i ristoratori italiani del «Buon Ricordo» ed è stato deciso di poter partecipare ai tavoli tecnici indetti dal governo Draghi. Loro sono i politici – osserva – ma noi scendiamo in campo. Devono ascoltarci, prendere atto delle nostre richieste. Come si può dire a mezzogiorno aperti e la sera chiusi? Come, alle 13 non c’è il virus e poi arriva alle 21? Che senso ha? Noi come gruppo lo scorso anno abbiamo avuto un danno di un milione e 800 mila euro. Ristori? Si parla di un 5%, ma credo che alla fine avremo non più di 25 mila euro. Mi chiedo perché in altri paesi dell’Ue sono stati letteralmente risarciti ed in tempi brevi?». “Anche l’estate 2021 – prevede Bernardi – sono certo sarà all’insegna delle restrizioni e quindi ancora danni. Nel ristorante dovremo fare a meno a circa 70 posti, nell’hotel non ci sarà più la bella gente che avevamo fino a qualche anno fa. Il nostro personale in cassa integrazione ha ricevuto una miseria e abbiamo dovuto integrare noi. Ma noi non siamo più in grado di fronteggiare questa crisi. Qui c’è la disperazione. La notte non dormiamo più. Non ci resta – chiosa – che sperare nei vaccini e nel nostro protettore San Bartolomeo».COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti:

Articoli correlati