Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Cocaina e una pistola nel garage di casa: 22enne di Gela in manette

Sono stati alcuni vicini di casa a segnalare alla Polizia l'andirivieni dei clienti davanti all'abitazione del giovane

Di Redazione

La Squadra Mobile del Commissariato di Polizia di Gela ha arrestato un giovane di 22 anni per detenzione ai fini di spaccio di 40 grammi di cocaina ed una pistola completa di munizioni. I poliziotti della Questura di Caltanissetta hanno ricevuto alcune segnalazioni da parte di cittadini gelesi che avevano notato uno strano via vai davanti casa di un ragazzo a Gela. Gli investigatori, nell’ambito di un articolato sistema di controllo del territorio finalizzato al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti, avevano notato il giovane in via Venezia, poco distante dal Commissariato di Polizia. Alla vista dei poliziotti, lui ed il ragazzo in sua compagnia, avevano tentato di allontanarsi ma sono stati bloccati.

Pubblicità

Dopo il ritrovamento di droga, nascosta nei pantaloni, gli agenti hanno esteso il controllo all’abitazione segnalata pochi giorni prima da alcuni cittadini. Non appena entrati all’interno del garage, i due cani poliziotto, addestrati per la ricerca di sostanza stupefacente e per quella di armi ed esplosivi, hanno subito fiutato la presenza di un’arma e della droga. 

 

 

In particolare uno dei cani in servizio alla Questura di Palermo ha rinvenuto l’arma occultata in una scatola presente in garage ed un altro cane ha subito fiutato la droga, anche questa nascosta in garage all’interno di un cartone. È stata inoltre sequestrata una consistente somma di denaro in quanto si presume possa essere frutto dell’attività illecita considerato che l’arrestato non svolge alcuna attività lavorativa. L’attività, della Squadra Mobile e del Commissariato di Gela, ha permesso di sottrarre al mercato della droga 120 dosi circa, stupefacente perlopiù destinato a giovani assuntori. Fondamentale inoltre aver sottratto l’arma alla criminalità.

La Procura della Repubblica ha disposto che il giovane, indagato in stato di arresto, venisse condotto in carcere, dove resterà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa delle prossime fasi del procedimento penale.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: