Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

La guerra della droga e la "balcanizzazione" dei clan di Partinico

Contrasti tra i ìgruppi che gestiscono il traffico di stupefacenti e si teme che ora possano "parlare" le armi

Di Redazione

La necessità di non compromettere i cospicui introiti garantiti dal traffico di stupefacenti su larga scala ha evitato l’esacerbazione dei contrasti tra i vari gruppi per la gestione territoriale dei flussi di traffico. Da questa esigenza la definizione di un precario equilibrio caratterizzato da una "costante fibrillazione a media intensità" che si è manifestata con numerosi danneggiamenti, spedizioni "punitive" ed atti incendiari riconducibili all’uno o all’altro sodalizio criminale, sempre in procinto di portare lo scontro ad un livello superiore. E’ quanto emerge dall’operazione contro i mandamenti di Partinico (Palermo) di carabinieri e Dia che ha condotto a 85 misure cautelari. Al riguardo, come evidenziato dal G.I.P. Nell’ordinanza cautelare, è emersa "l'immagine di una vera e assai allarmante balcanizzazione degli scenari criminali partinicesi" che consente di "presagire futuribili scenari di nuove e forse imminenti guerre di mafia nella provincia palermitana storicamente nota come tra le più attive nell’ambito criminale del traffico di stupefacenti". 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA