Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Tunisino in fuga con le figlie rapite in Francia catturato su un bus a Mazara del Vallo

Era scappato dopo avere preso le tre ragazze, affidate in via esclusiva all’ex moglie che vive in un paesino nel sud della Francia, e compiuto una violenta rapina

Di Redazione

Fuggito dopo avere preso le tre figlie, affidate in via esclusiva all’ex moglie che vive in un paesino nel sud della Francia, e compiuto una violenta rapina stuprando una donna davanti al marito per costringerlo a consegnare soldi e preziosi, l’uomo, un tunisino di 40 anni, è stato arrestato dai carabinieri a Mazara del Vallo (Tp), dove stava aspettando di salire su un pullman. 

Pubblicità

 Nei suoi suoi confronti c'era un mandato d’arresto europeo per rapina aggravata, violenza sessuale di gruppo e sequestro di persona. La donna non aveva avuto più notizie delle figlie e, avendo timore che l’ex marito potesse fuggire in Italia per poi raggiungere la Tunisia, si era rivolta al Comando generale dell’Arma dei carabinieri per chiedere aiuto. Immediatamente le ricerche in tutta Italia, con l’invio delle foto segnaletiche dell’uomo e delle bimbe a tutte le caserme. Secondo gli investigatori transalpini, alcune settimane fa in Francia, assieme ad altri tre complici, l’uomo aveva commesso una rapina in abitazione e violentato la moglie del proprietario di casa per costringerlo a consegnare tutti i beni di valore in suo possesso. I carabinieri sono riusciti a rintracciarlo alla fermata dei pullman, grazie alla collaborazione di un cittadino che ha segnalato al comandante della stazione di Mazara del Vallo la presenza di uno straniero con tre bambine dall’aspetto trasandato. Le bimbe sono state affidate a una comunità per minori in attesa che la madre, avvisata dalla gendarmeria francese, possa presto riabbracciarle. 
 La donna ha riferito che prenderà il primo volo utile per raggiungere la Sicilia. Il tunisino si trova ora nel carcere di Trapani, nella sezione speciale dedicata ai sex offender. (ANSA). 
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: