Notizie locali
Pubblicità
(da SkyTg24)

Cronaca

Vincenzo, il pescatore che ha salvato 24 migranti: «Ma quale eroe, lo rifarei altre mille volte»

Parla l'uomo che a 39 miglia dall'isola ha raccolto i naufraghi sulla sua barca di 8 metri: «Avevano i vestiti zuppi d’acqua e negli occhi spalancati il terrore di quello che avevano vissuto»

Di Rossana Lo Castro

«Lo rifarei altre mille volte. Non potevo mica invertire la rotta e andare via lasciandoli in mare. Una persona che ha un cuore non può farlo. Non sarei riuscito a dormire la notte».

Pubblicità

Vincenzo Partinico, 57 anni, è il pescatore di Lampedusa che sabato scorso ha soccorso a una trentina di miglia dall’isola una carretta con 24 migranti a bordo. Eppure, lui a essere chiamato eroe non ci sta. «Ma quale eroe, non ho fatto niente di eccezionale» dice all’Adnkronos. 
In mare lui non ha mai lasciato nessuno. «Ogni pescatore sa che non è possibile», dice Vincenzo che le onde le affronta da quando aveva 12 anni. «Prima con mio nonno, poi con mio padre», ammette orgoglioso.  Così anche sabato notte era uscito con la sua barca di poco più di 8 metri per una battuta di pesca. Era a 39 miglia dalla costa. «Erano le 4.45 del mattino, aspettavo l’alba con le luci accese per iniziare a pescare - racconta -, quando ho sentito un urto e poi sulla prua mi sono trovato 8 persone». 

Attimi concitati durante i quali la carretta del mare su cui viaggiavano i migranti ha iniziato a imbarcare acqua. «Alcuni sono finiti in mare, allora insieme al ragazzo che lavora con me abbiamo iniziato a lanciare i salvagenti. Ne abbiamo recuperati due dal mare. Poi tutti gli altri». In una catena di solidarietà che chi vive il mare conosce bene. «Già in passato mi è capitato di aiutare pescatori, diportisti. I migranti? Sono esseri umani. Non c'è differenza e chi dice il contrario è solo un cretino». 

«Ho avuto paura», ammette Vincenzo che ancora a raccontare quella notte ha la voce spezzata dall’emozione. «Avevano i vestiti zuppi d’acqua e negli occhi spalancati il terrore di quello che avevano vissuto. Avranno pensato di morire. Lì, in mare. Mentre cercavano una vita migliore. Una volta a bordo ho dato loro l’acqua e i panni che avevo a bordo».

Adesso, però, Vincenzo dovrà ricorrere all’aiuto di un legale. E’ stato denunciato. Non aveva l’autorizzazione per trovarsi a 39 miglia dalla costa. «Possono farmi tutte le multe che vogliono, tanto io lo rifarei... altre mille volte», scandisce. 

E chi parla di emergenza sbarchi a Lampedusa replica: «L'emergenza è nelle immagini delle tv. Il fenomeno si ripete identico da anni. E’ nei Paesi di partenza che si deve intervenire, ma sull'isola i migranti non li vedi mica a passeggio per le strade. Una volta sbarcati vengono condotti nell’hotspot e davanti le nostre coste ci sono le navi quarantena. Non abbiamo paura, ma certo non si può dire accoglienza lasciarli ammassati come animali dentro un centro che ne può contenere 250 e invece arriva ad ospitarne ahimè anche 1.300...». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA