Notizie Locali


SEZIONI
Catania 21°

Cronaca

“Sistema Montante”, torna libero l’ex presidente di Confindustria Sicilia con obbligo dimora ad Asti

Di Redazione |

Caltanissetta – Scarcerato Antonello Montante, l’ex Presidente degli industriali siciliani, condannato nel maggio scorso a a 14 anni di carcere, tre anni e mezzo in più rispetto alla richiesta della pubblica accusa, nell’ambito del processo che lo vedeva accusato di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione e accesso abusivo a sistema informatico. Montante ha avuto l’obbligo di dimora ad Asti, dove ha sede una delle sue attività imprenditoriali. Secondo l’accusa, rappresentata dal procuratore di Caltanissetta Amedeo Bertone e dai pm Stefano Luciani e Maurizio Bonaccorso, Montante sarebbe stato a capo di un “cerchio magico” per ottenere notizie riservate. Coinvolti nel processo anche rappresentanti delle forze dell’ordine. D recente erano stati dissequestrati alcuni beni appartenenti ad Antonello Montante.

Appena pochi giorni è stata emessa una sentenza di fallimento per le aziende astigiane Msa e Htm, entrambe di proprietà dell’industriale Antonello Montante. Il tribunale di Asti ha giudicato “insufficiente le garanzie presentate dal gruppo siciliano per ottenere la revoca del commissariamento e anche del fallimento”.

«La scarcerazione di Antonello Montante – ha commentato il suo legale, l’avvocato Carlo Taormina – segna il vero inizio del processo. Finalmente l’ex presidente di Confindustria Sicilia può difendersi e ristabilire la verità sul suo operato e sui suoi propositi nella stagione antimafia da lui inaugurata e condotta».  COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati