Notizie locali
Pubblicità

Economia

8 marzo: Axa-Bocconi, cresce gap uomo-donna sul lavoro

Bonetti, pari opportunità più che mai una priorità

Di Redazione

MILANO, 07 MAR - Aumenta il gap tra uomini e donne durante la pandemia, che ha esacerbato squilibri già esistenti nel mondo del lavoro, in un paese agli ultimi posti in Europa per tasso di occupazione femminile. Lo smartworking ha poi aumentato il carico di lavoro domestico sulle spalle delle donne, anche nelle coppie in cui entrambi i partner hanno lavorato da casa. È la fotografia che emerge dalla ricerca dell'Axa Research Lab on Gender Equality, istituito oltre un anno fa da Axa Research Fund, Axa Italia e Università Bocconi. A differenza delle crisi economiche precedenti, viene evidenziato nello studio, questa volta il settore più coinvolto è stato quello dei servizi, nel quale, la maggior parte delle donne lavoratrici sono occupate. Inoltre, con lo smartworking, per il 65% delle donne è cresciuto l'impegno nella cura della casa contro il 40% degli uomini. Dalla ricerca emerge anche che le donne in gran parte del mondo sono state più propense degli uomini a valutare il Covid-19 come un problema di salute rilevante (59% contro 48,7% degli uomini). L'obbiettivo dell'Axa Research Lab on Gender equality, è di "promuovere la conoscenza e aumentare la consapevolezza necessaria affinché la società progredisca sulla sfida dell'uguaglianza, per creare una cultura del cambiamento", evidenzia il ceo del gruppo Axa Italia, Giacomo Gigantiello, durante l'evento sulla Gender equality, presso Sda Bocconi. Intervenendo all'evento, in video collegamento, la ministra per le pari opportunità, Elena Bonetti, ha sottolineato che "le pari opportunità sono diventate più che mai una priorità perché non possiamo pianificare uno sviluppo sostenibile senza includere le donne. Servono azioni strutturate e di ampio respiro con un coordinamento molto ampio". Per Paola Profeta, docente di Public Economics all'Università Bocconi, "in termini di parità di genere l'Italia è in ritardo: abbiamo un tasso di occupazione femminile pari al 49% e questa è un'emergenza molto forte".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: