Notizie locali
Pubblicità

Economia

Borse Europa giù con Cina, petrolio, commodity. Parigi -2,4%

Fuga verso bond e dollaro. A Milano male Tenaris e Moncler

Di Redazione

MILANO, 25 APR - Le Borse europee restano pesanti a metà seduta, con Parigi in testa ai ribassi (-2,4%) nonostante la vittoria di Emmanuel Macron alle presidenziali abbia scongiurato il rischio di un terremoto sui mercati. Londra cede il 2,2%, Francoforte l'1,8% e Milano l'1,6% mentre anche a New York i future sui principali indici, tutti in calo di quasi un punto percentuale, segnalano un'apertura negativa. Pesa sulle Borse il timore di una frenata della Cina a causa del Covid, con il rischio che anche Pechino entri in un lockdown simile a quello di Shanghai mentre nel Paese aumentano i casi di infezione e le autorità non arretrano dalla politica della "tolleranza zero" contro il virus. Il rischio che il colosso asiatico debba fermarsi affonda il petrolio, in calo del 4,2% (Wti a 97,7 e brent a 102,2), e le materie prime, che hanno chiuso in deciso calo sui mercati cinesi, con il ferro in flessione del 6,7% a Dailan mentre a Shanghai le bobine laminate a caldo e l'acciaio hanno perso il 3%, l'alluminio il 2,9% e il rame lo 0,9%. La fuga dal rischio, in un contesto di grande volatilità per la guerra in Ucraina e la stretta monetaria, spinge i titoli di Stato, con i rendimenti dei bond governativi in calo generalizzato in tutta Europa. Quello dei Btp scende di 3 punti base al 2,63% anche se lo spread con il Bund tedesco si allarga in egual misura a 173 punti base. Tiene l'oro, stabile a 1.908 dollari l'oncia, mentre sul mercato valutario si apprezza il dollaro, tra i beni rifugio per eccellenza, verso tutte le principali valute, incluso l'euro con cui scambia a 1,073. Sulle Borse soffrono i petroliferi (-3,7% l'indice Stoxx) e le materie prime (-2,7%), in scia al calo dei prezzi delle commodity, ma anche il lusso (-3,7%) che ha nella Cina un importante mercato di sbocco, le banche e i servizi finanziari. A Piazza Affari guidano ribassi Tenaris (-4,3%), Interpump (-4%), Moncler (-3,7%), Cnh Industrial (-3,4%), FinecoBank (-3,2%).

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA