Notizie locali
Pubblicità

Economia

Def taglia l'impatto del Pnrr sul Pil, -0,4 punti nel 2026

Cronoprogramma più lento. Persi 0,4 punti nel 2021, 0,3 nel 2022

Di Redazione

ROMA, 08 APR - Il Def rivede al ribasso le stime sull'impatto macroeconomico del Pnrr: il Pil nel 2026 salirà grazie alle riforme di 3,2 punti percentuali, invece dei 3,6 stimati quando venne presentato il piano ad aprile dello scorso anno. Un calo di 0,4 punti dovuto a posticipi di spesa e ad una "meno rapida dinamica del cronoprogramma di spesa". La revisione tocca tutti gli anni: nel 2021 l'impatto del Pnrr sul Pil è +0,2 punti (-0,4 punti rispetto alla stima del 2021), nel 2022 +0,9 punti (-0,3 rispetto al 2021), nel 2023 +1,5 (-0,4 sul 2021), nel 2024 +2,1 (-0,4) e nel 2025 +2,8 (-0,3). Le nuove tabelle aggiornate del Def prendono in considerazione anche le singole riforme. Per quanto riguarda le misure fiscali, l'introduzione dell'assegno unico universale e del primo modulo della riforma dell'Irpef "hanno un impatto positivo e crescente sul Pil, pari a 0,5 punti percentuali nel 2025". Quelle in materia di crisi d'impresa e risanamento aziendale, introdotte nel 2021 insieme all'individuazione di strumenti per identificare le situazioni di insolvenza, è stato quantificato supponendo che l'incidenza percentuale dei crediti deteriorati sui prestiti nel sistema bancario italiano raggiungesse il valore dell'Area Euro. "La riduzione dello stock di crediti deteriorati ha un effetto positivo sulla crescita economica: alla fine del quarto anno il Pil reale sarebbe superiore di circa 0,2 punti rispetto al valore dello scenario di base", si legge nel Def. Per la riforma dell'istruzione sono stati considerati gli effetti in termini di riduzione dell'abbandono scolastico, miglioramento del capitale umano e della qualità dell'offerta scolastica e universitaria.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA