Notizie locali
Pubblicità

Economia

La cena a lume di candela per protestare contro il caro bollette

Ristoranti e pub hanno servito i clienti al buio: «Rincari anche del 300%»

Di Redazione

In tutta Italia centinaia di ristoranti, pizzerie, botteghe, hanno spento le luci e acceso le candele in segno di protesta contro i rincari del costo dell'energia elettrica.

Pubblicità

Alla protesta hanno aderito anche gli esercenti di Catania e Palermo. «Auspichiamo che il Governo prenda celermente dei provvedimenti per calmierare questi aumenti – ha detto Andrea Graziano, ideatore dell’iniziativa - bollette alla mano mi sono ritrovato a far fronte ad una spesa di oltre 32.000 euro contro poco più di 13.000 euro dello stesso periodo dell'anno scorso. Un rincaro di oltre il 150%, impossibile da sostenere in un momento così complicato come quello che stiamo vivendo. Volevamo organizzare una protesta silenziosa, ma efficace e grazie al sostegno di diverse associazioni di categoria siamo riusciti a far sentire la nostra voce su tutto il territorio nazionale».

 

 

Tra chi ha aderito alla protesta c'è l’Associazione Italiana Ambasciatori del Gusto, la sigla sindacale Tni che rappresenta il mondo della ristorazione e della ricettività, l'Unione Ristoratori Italiani, ma anche la Fipe Confcommercio Catania e l'Associazione Ristoranti Centro Storico di Roma.

Per primi hanno sposato la causa Cristina Bowerman, chef stellata al Glass Hostaria di Roma, Martina Caruso stella Michelin del Signum a Salina, Aurora Mazzucchelli chef del Ristorante Marconi a Sasso Marconi, Massimiliano Prete di Sesto Gusto a Torino, Corrado Scaglione della brianzola Enosteria Lipen; dal Trentino risponde all'appello lo stellato Alessandro Gilmozzi del ristorante Il Molin, ma anche Matteo Sormani della Locanda Walser Shtuba al confine piemontese con la Svizzera e ancora Franco Virga, recentemente entrato in guida Michelin con Gagini a Palermo.

"Da Catania a Palermo per arrivare a Messina, Siracusa e Ragusa e superare lo stretto fino a Roma, Milano, Torino, ma anche Grosseto, Firenze e tante altre città d'Italia - racconta Andrea Graziano - straordinario anche il sostegno che abbiamo ricevuto da privati, famiglie e tanti produttori, tra cui spicca la singolare iniziativa del birrificio Tarì di Modica, che ha deciso di produrre la birra a lume di candela in segno di protesta. Non mi aspettavo questa risposta così energica. In pochi giorni abbiamo raccolto centinaia di adesioni, oltre a quelle delle associazioni di categoria. È evidente che l'intero settore è allo stremo e per questo abbiamo deciso di far sentire forte la nostra voce nel rispetto della legalità e delle regole».

Protesta anche a Palermo nel quartiere Olivella con diverse attività commerciali della ristorazione che hanno servito i propri clienti al buio in segno di protesta. La protesta simbolica nei locali adiacenti piazza Olivella: La Traviata, Medio Oriente, Ruvolo, Fud, Ego, Globus, Fuso orario e City lounge bar. Le attività hanno aderito alla campagna #StasiraManciaOScuru #BlackOutDinner per dare un segnale alle amministrazioni comunali, regionali e statali affinché «possano prendere i provvedimenti necessari ed evitare che vengano ulteriormente schiacciati dal peso della crisi» i commercianti. Tanti altri, invece, sono rimasti chiusi. A far arrabbiare i negozianti è stata anche la scoperta che «l'amministrazione Orlando ha utilizzato anche i miseri 86 milioni di euro stanziati dal Governo per ristorare i commercianti, per coprire buchi di bilancio dovuti alle difficoltà finanziarie del Comune. Una situazione imbarazzante per l’amministrazione Orlando, una vera e propria beffa per lavoratori e commercianti e per tutti coloro che pagano il prezzo di questa crisi", affermano dal Comitato territoriale Olivella.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA