Notizie locali
Pubblicità

Economia

Lavoro: Sbarra, salario minimo con contratti non con legge

Preoccupato che aziende lo usino per schiacciare salari

Di Redazione

ROMA, 12 LUG - In Italia c'è un problema di crescita salariale che noi dobbiamo affrontare. Il salario minimo è una buona soluzione se la si affronta attraverso la via della contrattazione. Lo afferma il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra in una intervista ad Agora convinto che la strada migliore non sia quella della legge. "La proposta Orlando - ha detto - è una buona base per il confronto. Si possono prendere a riferimento - ha detto - i trattamenti economici complessivi dei contratti maggiormente diffusi e applicati per alzare i salari bassi. E' una illusione che si possa risolvere con il salario minimo il problema del lavoro povero". "Sono preoccupato della prospettiva di una regolazione per legge del salario - ha detto ancora - darebbe la stura a molte aziende ad uscire dall'applicazione dei contratti e a schiacciarsi sul rispetto rigoroso della legge sul salario minimo. La retribuzione è fatta di tanti aspetti, non solo di compenso orario minimo. Noi pensiamo che in Italia si debba estendere e rafforzare la contrattazione. Poi bisogna fare un'operazione verità su tutto ciò che è lavoro povero e precarietà, combattere gli stage, i tirocini extracurriculari, le falese partite Iva. Al Paese serve più crescita recuperare produttività e distribuirla".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: