Notizie Locali


SEZIONI
Catania 19°

Economia

Pil: Upb,+0,6% nel 2023 ma forte incertezza da guerra e Pnrr

Per il 2024 prevista crescita dell'1,4%, sotto stime del governo

Di Redazione |

ROMA, 03 FEB – Quest’anno l’economia italiana rallenterà decisamente rispetto al 2022, pur continuando a espandersi dello 0,6%. E’ l’ultima previsione dell’Upb, secondo cui “dopo un primo trimestre ancora debole, a causa del persistere di tensioni globali, la crescita si rafforzerebbe gradualmente avvantaggiandosi dell’allentamento delle pressioni inflazionistiche”. Secondo la Nota sulla congiuntura di febbraio dell’Ufficio parlamentare di bilancio nel 2024 la dinamica del Pil si consoliderebbe all’1,4 per cento, “ipotizzando il progressivo miglioramento del contesto geopolitico ed economico internazionale”. La stima, è in linea con quella del governo per quest’anno ma non per il prossimo, visto che la Nadef indica per il 2024 una crescita dell’1,9%. L’Upb precisa che “le previsioni assumono la completa attuazione dei programmi di investimento del Pnrr, concordati in sede comunitaria, ma anche la prosecuzione del ciclo di politica monetaria restrittiva della Bce inaugurato nella seconda metà dello scorso anno”. Proprio l’attuazione del Pnrr, insieme alla guerra in Ucraina, rappresenta però uno dei fattori incertezza che gravano sulle previsioni. “Il conflitto in corso alle porte dell’Ue rappresenta certamente il rischio maggiore, su tutti gli orizzonti di previsione”, scrive l’Upb. Inoltre, “nonostante il relativo allentamento delle frizioni nella logistica e dei colli di bottiglia nell’offerta, i fortissimi aumenti dei costi energetici e la carenza di alcuni materiali potrebbero incidere sull’ipotesi dell’integrale, tempestiva ed efficiente attuazione dei progetti di investimento del Pnrr”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: