Notizie locali
Pubblicità

Italia

Chiesa gremita a Caivano, "mai più camorra"

Don Patriciello, siamo scoraggiati. Melillo, Stato faccia di più

Di Redazione

CAIVANO (NAPOLI), 28 MAR - In tanti hanno risposto stasera all' appello di don Maurizio Patriciello per un incontro pubblico dal titolo che è allo stesso tempo un grido d'aiuto e un auspicio "Mai più camorra nelle nostre terre". Piena la chiesa di San Paolo Apostolo a Caivano (Napoli). Tutta la comunità del Parco Verde si è stretta attorno al suo parroco, dinanzi alla cui chiesa nelle settimane scorse è stato fatto esplodere un ordigno, per ascoltare le riflessioni del procuratore della Dda di Napoli Giovanni Melillo e del vescovo della Diocesi di Aversa, Angelo Spinillo, moderati dal giornalista Pino Ciociola. "Siamo scoraggiati - lo sfogo di don Maurizio Patriciello - sono venuti in tanti qua, tanti impegni da parte di tutti, ma c'è sempre un anello mancante. L' analisi ci è chiara ormai, quello che manca è una via di uscita da una situazione che a Caivano è disastrosa". "Io non ho ricette da suggerire - ha osservato il procuratore della Dda di Napoli, Giovanni Melillo - e diffido da chi ne propone, ma so che la nostra è una società complessa fondata su diritti e doveri. I diritti vengono compressi quando i doveri non sono adempiuti, c'è una stretta correlazione che porta alla sopraffazione. Abbiamo bisogno - la conclusione del magistrato - di normalità che si traduce in enti territoriali all'altezza, alloggi pubblici assegnati a chi ne ha diritto, strutture scolastiche che denunciano chi abbandona, strutture sanitarie efficienti e più in generale di un esercizio di trasparenza da parte delle varie articolazioni dello Stato. Ma la risposta della gente stasera è un bel segnale".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA